Coin News

USDC in ritirata contro Tether | La finanza non vince sempre

6 Oct, 20223 min readAltcoins
USDC in ritirata contro Tether | La finanza non vince sempre

La lotta tra gli stablecoin legati al dollaro è di quelle più silenziose, ma anche più attive dietro le quinte. E non è detto che la spunti sempre chi ha le spalle coperte dai grandi nomi della finanza. Sì, parliamo della guerra fredda tra USDC e Tether, con il secondo che nonostante sia attaccato notte e giorno da FUD, sembra essere partito per un allungo che aumenterà il distacco, almeno in termini di capitalizzazione.

Tether si è infatti già ripreso dalle liquidazioni che sono coincise con uno dei momenti più acuti di crisi per l’intero comparto, mentre USDC avrebbe perso circa 9 miliardi di dollari, o meglio, non persi, ma restituiti ai clienti in cambio del token. Una situazione che ci racconta un mondo legato agli stablecoin molto diverso da quello che viene pubblicato da certe pubblicazioni tendenziose.

Sempre all’interno di quanto viene offerto da Capital.com troviamo un servizio di intelligenza artificiale che ci permette di operare sul mercato con l’analisi del nostro portafoglio automatica. E con MetaTrader 4 e TradingView possiamo passare ad un livello professionale di strumentazione. Bastano 20€ per passare ad un conto reale.

USDC lascia sul campo 9 miliardi: persa la ricorsa a Tether?

Una narrativa che avrebbe visto Golia vincere contro Davide, per quanto i rapporti di capitalizzazione giocassero a favore di Tether. Ma, si scriveva e si diceva, i destini erano appunto segnati. USDC avrebbe appunto potuto contare su amici potenti e sulla possibilità di integrazione con compliance assoluta con diversi servizi di pagamento. Il tutto mentre Tether stava vivendo una delle fasi più complicate del suo recente passato, con diverse liquidazioni di token da parte di investitori terrorizzati dalla crisi del settore cripto.

E invece, in modo forse imprevedibile, le cose sono andate diversamente. Nel complesso USDC ha perso una capitalizzazione di mercato vicina a 9 miliardi di dollari secondo i report più recenti, con Tether che invece sembrerebbe essere pronta a recuperare quanto lasciato sul terreno a causa della crisi.

  • C’entra Binance?
  • Il mondo cripto? Forse è in grado di battere i papaveri della finanza tradizionale

    Chi vive il mondo delle criptovalute da tempo ne conosce i canoni e conosce anche come si è sviluppato dai suoi albori. E nonostante siano in molti a temere una sorta di take over da parte dei gruppi legati alla finanza tradizionale.

    La storia recente di Tether potrebbe però indicare il contrario: di spazio per i “nativi su blockchain” per resistere ne troviamo a sufficienza. E non è detto che chi frequenta i piani alti di Wall Street sia necessariamente in grado di fare un sol boccone della concorrenza. Per quanto gli stablecoin siano appunto… stable, potrebbero diventare presto gli attori di una delle battaglie più epiche di questo comparto.

    Source

    Subscribe to get our top stories

    Coin News
    App StoreApp Store