Coin News

UK fa marcia indietro sulla norma per i wallet digitali “unhosted”

21 Jun, 20223 min readOther
UK fa marcia indietro sulla norma per i wallet digitali “unhosted”

Al contrario dell’UE, l’UK ha deciso di non obbligare le società crypto ad inviare informazioni sulle transazioni dei cosiddetti wallet digitali “unhosted”.

In UK non è obbligatorio tracciare le attività dei wallet digitali “unhosted”

La Gran Bretagna ha deciso di fare marcia indietro sulla legislazione in materia di criptovalute e non farà come il Parlamento europeo, che lo scorso marzo ha approvato una direttiva che obbliga tutte le società crypto a segnare ogni transazione sia da exchange che da wallet “unhosted” o “freddi”.

Per fare chiarezza, i wallet digitali “unhosted” sono tutti quei portafogli che consentono agli utenti di esercitare un controllo indipendente sui propri fondi, come MetaMask ad esempio.

All’epoca dell’approvazione della direttiva MiCA, il settore crypto aveva contestato duramente la parte della norma che regolava il tipo di informazioni che dovevano essere inviate alle autorità di controllo, che imponeva appunto l’invio delle informazioni su tutte le transazioni effettuate da portafogli digitali dell’importo maggiore a 1000 euro.

5/ Moreover, any time you receive 1,000 euros or more in crypto from a self-hosted wallet, Coinbase will be required to report you to the authorities. This applies even if there is no indication of suspicious activity.— Brian Armstrong – barmstrong.eth (@brian_armstrong) March 30, 2022

In un documento pubblicato dal ministero del tesoro britannico, si legge:

“Invece di richiedere la raccolta di informazioni sul beneficiario e sull’originatore relativi a tutti i trasferimenti di portafoglio unhosted, le aziende di criptovalute dovranno raccogliere queste informazioni solo per le transazioni identificate come a rischio elevato di finanziamento illecito”

La decisione è arrivata dopo aver sollecitato feedback da una varietà di intervistati, inclusi accademici ed esperti del settore.

Gli aggiornamenti sulla direttiva in UK

Si tratta di un vero e proprio ripensamento, anche se in un primo momento la Gran Bretagna non è mai stata tenera con il mondo delle criptovalute. Si ricordi che a Binance, il più grande exchange del mondo, lo scorso anno è stato vietato di operare sul suolo britannico.

Ora, dopo avere ascoltato una commissione di esperti interpellata dal Ministero del Tesoro, sembra essersi convinta che la scelta operata dall’Europa sia fondamentalmente sbagliata.

Unica eccezione alla normativa che prevede di ricevere informazioni sulle transazioni, ma questo vale non solo per gli asset digitali, è nel caso che ci possa essere un sospetto che il trasferimento possa avere origini illecite, legate al finanziamento del terroismo o al riciclaggio.

Molti dei consulenti del governo britannico, che hanno stilato a proposito un lungo report, sembravano essere d’accordo con Brian Armstrong, CEO e fondatore di Coinbase, che all’epoca aveva criticato la legge europea definendola anti privacy e anti innovazione.

Secondo alcuni la decisione della Gran Bretagna sarebbe anche l’ennesimo tentativo di smarcarsi dalle regole Europee, dopo la Brexit, adottando una legislazione più favorevole al mondo crypto rispetto all’Europa.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store