Coin News

Tre parametri dimostrano che l'attuale trend ribassista è diverso da quello dell'estate 2021

28 Jun, 20223 min readRegulation
Tre parametri dimostrano che l'attuale trend ribassista è diverso da quello dell'estate 2021

Bitcoin (BTC) ha già attraversato numerosi mercati ribassisti, ma pochi hanno generato tanto panico quanto quello attuale.

Secondo gli analisti, nel 2022 BTC sta attraversando "un bear market di proporzioni storiche." Ma alcuni ricorderanno che soltanto un anno fa il sentiment di Bitcoin era altrettanto negativo, a seguito di un crollo del 50% in poche settimane.

Al di là del prezzo, i dati on-chain di quest'anno appaiono molto diversi. Cointelegraph ha esaminato tre parametri chiave che dimostrano come gli ultimi due mercati ribassisti siano in realtà molto diversi.

Hash rate

Lo scorso anno abbiamo assistito all'esodo dei miner di Bitcoin dalla Cina, quando il governo bandì tale pratica in tutto il territorio. A causa di tale divieto, nel giro di poche settimane numerosi miner cinesi hanno trasferito le proprie attività all'estero: durante lo spostamento delle operazioni, l'hash rate del network di Bitcoin si è praticamente dimezzato.

Ma questa volta non è il governo, bensì la semplice matematica, a rappresentare una minaccia per il settore del mining. Bitcoin ha infatti raggiunto il prezzo più basso degli ultimi 19 mesi, riducendo notevolmente la redditività delle operazioni di mining.

Ad ogni modo, alcuni esperti ritengono che l'evento di capitolazione dei miner sia già avvenuto, e che non assisteremo a grosse vendite in futuro. L'hash rate sembra supportare tale tesi: i dati di MiningPoolStats mostrano infatti una riduzione di circa il 20% rispetto ai massimi storici, seguita da una sostanziale ripresa.

Indirizzi attivi

Il calo di prezzo di luglio 2021 è stato accompagnato da un rallentamento dell'attività sul network. Gli indirizzi attivi, misurati dalla piattaforma di analisi on-chain CryptoQuant, hanno registrato un notevole calo a giugno dello scorso anno, per poi riprendersi parallelamente al prezzo nel terzo trimestre.

Ma questa volta non si è verificato alcun calo del genere, indicando che il mercato continua a spostare i propri BTC. Ciò ha una serie di implicazioni: gli HODLer potrebbero essere diventati venditori a causa dei prezzi bassi; gli investitori potrebbero star sfruttando i prezzi scontati per accumulare; oppure i trader potrebbero star tentando di generare profitti dalla volatilità.

Va comunque sottolineato che il volume on-chain rimane basso. In altre parole, il supporto lato acquisto è probabilmente insufficiente per porre fine al trend ribassista del prezzo.

Riserve sugli exchange

Infine, e nonostante i volumi sostanzialmente inferiori sopra menzionati, gli utenti stanno prelevando ingenti quantità di BTC dagli exchange di criptovalute.

Normalmente, i crolli dei prezzi innescano afflussi verso gli exchange, dovuti ai trader in preda al panico che si affrettano a vendere. Ma questa volta sta accadendo l'esatto opposto: gli utenti stanno prelevando le proprie monete dalle piattaforme di trading.

In questo momento, i 21 grandi exchange di criptovalute monitorati da CryptoQuant possiedono un saldo di 2,419 milioni di BTC, in calo rispetto ai 2,544 milioni all'inizio del secondo trimestre.

Lo scorso anno invece le riserve degli exchange sono aumentate durante il downtrend del secondo trimestre, tornando a diminuire solo dopo la ripresa di BTC/USD.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store