Coin News

State Street: Gli investitori istituzionali non sono scoraggiati dal crypto winter

12 Sep, 20223 min readRegulation
State Street: Gli investitori istituzionali non sono scoraggiati dal crypto winter

Secondo la megabanca State Street, gli investitori istituzionali non sono scoraggiati dall'attuale crypto winter e hanno mantenuto il loro interesse per la blockchain e gli asset digitali.

Parlando con l'emittente australiana Sydney Morning Herald (SMH) l'11 settembre, Irfan Ahmad, responsabile digitale per l'Asia e il Pacifico dell'unità cripto della banca State Street Digital, ha sottolineato che, nonostante l'estrema volatilità di giugno e luglio, i clienti istituzionali dell'azienda hanno continuato a muoversi nel settore.

"Nel corso del periodo di giugno e luglio, quando le cose si sono davvero infiammate in termini di attività, abbiamo osservato che i clienti istituzionali non hanno necessariamente raddoppiato gli investimenti, ma non sono stati affatto scoraggiati dal fare scommesse strategiche sull'asset class stessa".

Tre crypto exchange-traded fund (ETF) di Cosmos Asset Management e 21Shares sono stati lanciati a maggio sull'exchange Cboe Australia, e inoltre l'asset manager Monochrome ha recentemente ricevuto l'approvazione per il primo cripto ETF spot australiano, autorizzato dai servizi finanziari del Paese, che verrà lanciato ad agosto.

In particolare, State Street è l'amministratore del fondo per il Cosmos Purpose Bitcoin Access ETF e Ahmad ha dichiarato all'SMH che altri prodotti cripto sono in arrivo in Australia in un "futuro molto prossimo", senza però indicare nomi specifici.

"Certamente i nostri clienti ci hanno parlato in modo più pragmatico di come potrebbero lanciare prodotti o di quali potrebbero essere le nostre capacità in futuro per aiutarli a sostenere il lancio di tali prodotti", ha detto.

Nel frattempo, l'Australian Securities Exchange (ASX) e alcuni giganti bancari australiani, come ANZ e NAB, si sono concentrati principalmente sulle stablecoin e sulla tokenizzazione di asset tradizionali, piuttosto che sugli investimenti in criptovalute.

La banca del Commonwealth ha avuto un servizio di cripto trading attivo per un breve periodo ma è stato interrotto a maggio a causa dell'incertezza normativa.

All'estero, grandi istituzioni americane come BlackRock hanno fatto importanti investimenti nel settore delle criptovalute negli ultimi tempi. Il mese scorso, il gestore patrimoniale da 10.000 miliardi di dollari ha stretto una partnership con Coinbase, per fornire ai clienti istituzionali un'esposizione diretta alle criptovalute e ha lanciato un fondo privato spot su Bitcoin (BTC).

Anche la Global Investment Bank Citigroup ha assunto ad agosto due dirigenti chiave, Ryan Rugg e David Cunningham, come parte dell'unità Treasury and Trade Solutions (TTS) dell'azienda, che supervisiona le offerte istituzionali di criptovalute.

Rugg ha assunto il ruolo di global head per i digital assets per la TTS, mentre Cunningham è stato nominato direttore e partner strategico per lo sviluppo degli asset digitali dell'azienda.

Più di recente, il 7 settembre, SEBA Bank, piattaforma bancaria svizzera di asset digitali, ha lanciato un servizio di staking istituzionale di Ether (ETH), per soddisfare la crescente domanda per l'asset yield-bearing in vista del Merge.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store