Coin News

Secondo trimestre difficile per i miner BTC

22 Aug, 20224 min readMining
Secondo trimestre difficile per i miner BTC

Secondo un recente rapporto pubblicato dalla società di consulenza crypto BlocksBridge Consulting, il secondo trimestre del 2022 è stato difficile per i miner pubblici di bitcoin (BTC), poiché 18 di loro hanno venduto 21.342 BTC.

Secondo il rapporto, questo era il 660% di ciò che hanno venduto nel primo trimestre di quest'anno e circa il 150% della loro produzione nel periodo aprile-giugno 2022.

Costi di produzione di BTC in aumento

Gli ultimi dati ottenuti dall'azienda suggeriscono che i costi di produzione di bitcoin, così come le spese generali e gli interessi, sono aumentati nel secondo trimestre di quest'anno.

Secondo la consulenza,

“I numeri del secondo trimestre di otto miner pubblici che hanno pubblicato i rendiconti finanziari completi finora mostrano che i costi medi di produzione, spese generali e per interessi per ogni bitcoin estratto sono aumentati del 22% nel secondo trimestre rispetto al primo trimestre. Rappresentano circa il 10% dell'hashrate della rete".

Il rapporto riconosce che quasi tutte le società di mining pubbliche sono riuscite a superare l'aumento dell'hashrate della rete nel secondo trimestre, ovvero il periodo aprile-giugno 2022.

BlocksBridge ha affermato: “la crescita della produzione QoQ [quorter-on-quarter] è rimasta molto indietro rispetto alla crescita dell'hashrate operativo. Come mai? Non tutti sono stati in grado di mantenere un buon tempo di attività".

Miner hanno speso più del loro BTC generato

Secondo i dati di ByteTree, i miner hanno speso più del loro BTC appena generato, rispetto a quello che hanno detenuto nelle ultime 12 settimane. Tuttavia, questa tendenza è cambiata negli ultimi sette giorni.

Difficoltà di mining di Bitcoin in aumento

Nel frattempo, la difficoltà di mining di Bitcoin, o la misura di quanto sia difficile competere per i premi di mining, è aumentata il 18 agosto dello 0,77%, attestandosi attualmente a 28,57 T. Questo è stato il terzo di una serie di aumenti minori, con la difficoltà che si avvicina il suo massimo storico di maggio di 31,25 T.

La scorsa settimana, Bitfinex Analysts ha dichiarato in un commento condiviso con Cryptonews.com che,

"I rapporti sul mining di Bitcoin indicano che c'è stata una notevole diminuzione nella distribuzione dei miner agli exchange nelle ultime settimane. Ciò suggerisce che mentre lo stress rimane nel settore, il peggio potrebbe essere alle nostre spalle. Man mano che la pressione sui miner diminuisce, insieme alle balene, anche i miner sembrano prendere profitti. Sono fondamentalmente costretti a vendere per coprire i costi delle piattaforme di mining aggiuntive integrate con la loro infrastruttura come garanzia. Nelle ultime 2 settimane, il saldo aggregato dei miner è diminuito di circa 4,7k BTC".

L'aumento dei costi di produzione potrebbe essere uno dei motivi alla base di una serie di recenti decisioni prese da società legate al settore del mining.

SBI Holdings, uno dei maggiori fornitori di servizi finanziari del Giappone, ha annunciato che chiuderà le sue operazioni di mining in Siberia. La mossa si ricollega anche alle sanzioni imposte alla Russia per l'invasione del suo vicino occidentale, l'Ucraina.

CleanSpark ha affermato di aver riconosciuto una perdita netta di 29,3 milioni di dollari per i tre mesi terminati il ​​30 giugno, ma ha anche completato l'acquisizione annunciata recentemente di un impianto di mining di bitcoin attivo negli Stati Uniti solo tre giorni fa.

Nel frattempo, Kryptovault AS è stata costretta dall'impennata dei prezzi dell'energia a spostarsi a nord dalla Norvegia meridionale al Circolo Polare Artico, dove i costi dell'energia sono molto più bassi.

All'inizio di questo mese, è stato anche svelato che la costruzione di un impianto di mining di bitcoin vicino a una centrale nucleare con sede in Pennsylvania è stata sospesa. Taryne Williams, portavoce di Talen Energy, ha dichiarato al quotidiano locale Standard-Speaker che i lavori di costruzione sono stati sospesi "a causa di circostanze fuori dal nostro controllo". La dichiarazione potrebbe suggerire che la decisione potrebbe essere correlata al crollo dei prezzi delle criptovalute negli ultimi mesi.

Il prezzo di BTC

Alle 9:30 UTC di lunedì mattina, BTC veniva scambiato a 21.182 USD, in calo dell'1% in un giorno e del 13% in una settimana.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store