Coin News

Scaramucci: il vero valore di Bitcoin è 40.000$

3 Aug, 20223 min readBitcoin
Scaramucci: il vero valore di Bitcoin è 40.000$

Anthony Scaramucci sostiene che il prezzo di Bitcoin quest’anno abbia già toccato il fondo a giugno, e che il suo attuale fair value sarebbe di 40.000 dollari.

Il fair value di Bitcoin secondo Anthony Scaramucci

Lo ha rivelato ieri durante un’intervista rilasciata a MarketWatch.

Bitcoin has already bottomed, has a fair value of $40,000, says Anthony Scaramucci — MarketWatch (@MarketWatch) August 2, 2022

Scaramucci è il fondatore di SkyBridge Capital, e l’anno scorso affermò che per certi versi Bitcoin sia da considerare meglio persino dell’oro.

Ieri ha dichiarato che il peggio dell’attuale bear market crypto dovrebbe essere passato, perchè sarebbero state spazzate dal sistema via molte posizioni a leva.

Pertanto ritiene che, sebbene un calo dagli attuali livelli sia ancora possibile, è improbabile che possa scendere sotto il minimo raggiunto in questo ciclo, pari a circa 17.500$.

Anzi, stando alle analisi di SkyBridge, il fair value attuale sarebbe di 40.000$, analizzando varie metriche su adozione, dimensioni dei wallet, casi d’uso e crescita dei wallet.

Per quanto riguarda ETH (Ethereum) il fair value calcolato da SkyBridge sarebbe di 2.800$.

Si tratta di valori rispettivamente del 74% e del 75% superiori a quelli attuali.

Scaramucci ha anche affermato che SkyBridge continua ad acquistare BTC ed ETH grazie alla liquidità incrementale che entra nei loro fondi, perché li ritengono fondamentalmente sottovalutati e tecnicamente ipervenduti.

Tuttavia ha anche riferito che non si aspettano che il prezzo di BTC salga immediatamente, a causa delle incertezze macroeconomiche. Secondo Scaramucci l’orizzonte temporale da tenere in considerazione per questi investimenti sarebbe di quattro o cinque anni.

A livello macro Scaramucci ritiene che l’inflazione presto inizierà a ridursi. Anzi, ha dichiarato che la seconda metà dell’anno potrebbe sorprendere a riguardo, perché è già in atto un rallentamento dei consumi negli USA.

Recessione, inflazione e prezzo del Bitcoin

A questo punto probabilmente ci sarà a tutti gli effetti anche una recessione, ma potrebbe essere superficiale e non profonda grazie all’enorme quantità di risparmi dei cittadini ed a più posti di lavoro disponibili di quanti ne vengano cercati.

Quindi, il quadro complessivo non è roseo sul breve periodo, ma dovrebbe schiarirsi già sul medio termine. Sul lungo termine rimane bullish su Bitcoin, anche se potrebbe volerci del tempo prima di vedere una vera e propria ripresa del prezzo.

Da notare che, anche durante i due precedenti bear-market post-halving, ci vollero circa due anni prima che il prezzo si riprendesse realmente, ed è possibile che Scaramucci abbia in mente anche questo fattore come elemento significativo per le sue riflessioni a riguardo.

Fino ad ora i cicli di Bitcoin si sono sempre ripetuti, anche se con differenti proporzioni, e per ora non sembra esserci nulla che possa impedire che continuino a farlo, perlomeno sul breve periodo.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store