Coin News

SBF nega che FTX stia puntando alle società di cripto-mining in difficoltà

4 Jul, 20223 min readMining
SBF nega che FTX stia puntando alle società di cripto-mining in difficoltà

Sam Bankman-Fried, fondatore del crypto exchange FTX, ha placato le voci secondo le quali la società starebbe valutando l'acquisizione di società di crypto mining in difficoltà, chiarendo sabato su Twitter che "non stanno realmente esaminando le ipotesi".

"Non sono sicuro del motivo per cui si stia diffondendo tale voce su FTX e le società di mining, la citazione reale è stata che *non* stiamo realmente discutendo a riguardo", ha chiarito Bankman-Fried su Twitter.

Le speculazioni sul fatto che la società fosse alla ricerca di aziende di mining sono emerse a seguito di un'intervista rilasciata a Bloomberg venerdì scorso, dopo che il fondatore di FTX ha dichiarato di non voler scartare la possibilità di una "irrinunciabile opportunità" nel settore del mining, affermando:

"Potrebbe presentarsi un'opportunità davvero interessante per noi: non voglio assolutamente scartare questa possibilità".

Tuttavia, la citazione sembra essere stata estrapolata dal contesto, costringendo SBF a chiarire che l'azienda "non stia valutando in particolare i miner", ma che sia "felice di intrattenere rapporti" con le società di mining.

Per essere chiari ho detto più o meno di "non star valutando particolarmente i miner, ma certo, sono felice di intrattenere rapporti con qualsiasi società".

er to be clear I said roughly "meh not particularly looking at miners, but sure, happy to have conversations with any companies" — SBF (@SBF_FTX) July 1, 2022

Bankman-Fried ha inoltre dichiarato durante l'intervista che i crypto miner non rientrano nella strategia principale dell'azienda e che non vede alcuna sinergia a fronte di un'ipotetica acquisizione:

"Non vedo alcuna ragione particolare per cui dovremmo avere, come dire, un'integrazione con un crypto miner".

"Da un punto di vista strategico, una acquisizione non comporterebbe alcun beneficio evidente", ha aggiunto.

I miner sono in difficoltà

Al giovane imprenditore è stato chiesto se stesse valutando aziende di mining in difficoltà, considerando i ricavi diminuiti drasticamente quest'anno con le attività di estrazione.

Allo stesso tempo, l'invasione russa dell'Ucraina ha fatto salire alle stelle i costi energetici, causando un duplice impatto sui miner, piccoli e grandi.

Secondo Bitinfocharts, la redditività del mining, misurata in dollari spesi quotidianamente per terahash al secondo, ha raggiunto livelli minimi non registrati da ottobre 2020. Al momento della stesura, la redditività del mining di Bitcoin è di 0,0956$ al giorno per 1Th/s, con un calo dell'80% rispetto al massimo del 2021 di 0,464$.

Un rapporto di Bloomberg pubblicato il 24 giugno ha rivelato che sono stati impegnati 4 miliardi di dollari in prestiti per le attività di mining di Bitcoin, con un numero crescente di prestiti non rimborsati a causa del calo dei prezzi di Bitcoin e dei mining rig.

La scorsa settimana, Cointelegraph ha riportato che i ricavi dal mining di Bitcoin (BTC) hanno rispecchiato i minimi annuali, non registrati da metà 2021, con i ricavi dal mining crollati a 14,40 milioni di dollari al 17 giugno.

I dati di Arcane Research di giugno hanno rilevato che il deterioramento della redditività del mining abbia costretto i miner quotati ad iniziare a liquidare le loro partecipazioni, rivelando che molte di queste aziende hanno venduto il 100% della loro produzione di BTC a maggio, probabilmente allo scopo di coprire i costi operativi e i rimborsi dei prestiti.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store