Coin News

La rimozione del programma di prelievo degli Ether in staking è oggetto di aspre critiche

51 min ago2 min readEthereum
La rimozione del programma di prelievo degli Ether in staking è oggetto di aspre critiche

Qualche giorno dopo il passaggio di Ethereum alla proof-of-stake (PoS), sui social media i critici hanno iniziato a segnalare la rimozione da parte della Fondazione Ethereum del programma di prelievo degli Ether (ETH) in staking.

Un membro della crypto community ha sottolineato come gli sviluppatori, i leader e gli influencer di Ethereum avevano accennato al fatto che i prelievi degli ETH in staking sarebbero stati aperti sei mesi dopo il Merge. Successivamente, il tempo stimato per lo sblocco è stato spostato a 6-12 mesi. Infine, l'utente di Twitter ha precisato che il calendario è stato aggiornato al 2023-2024, prima di essere rimosso del tutto.

Un altro utente di Twitter ha alimentato la polemica, descrivendo l'ETH staked come un investimento in criptovalute non riscattabile. L'utente ha sottolineato che gli utenti hanno investito sulla base di una timeline e non hanno ricevuto alcuna data di scadenza. Altri utenti hanno condiviso lo stesso sentimento condividendo i retweet del post iniziale che criticava le tempistiche di prelievo.

In compenso, i sostenitori di Ethereum hanno risposto alle critiche. Anthony Sassano, cofondatore di ETHhub, un sito di risorse per Ethereum, ha preso le difese della rete liquidando le critiche come tentativi da parte dei massimalisti del Bitcoin (BTC) di trovare nuovi elementi per attaccare Ethereum dopo essere stati smentiti dal Merge. Lo sviluppatore di Ethereum Antiprosynth ha anche sottolineato in un tweet che queste critiche arrivano in un momento in cui il dominio del mercato di Ether cresce e quello di Bitcoin diminuisce.

Nel frattempo, un recente exploit di FTX ha reso l'hacker il 35° maggior detentore di ETH. Il giorno dopo la presentazione della domanda di fallimento da parte di FTX, i portafogli dell'exchange sono stati compromessi, con una perdita di oltre 600 milioni di dollari in criptovalute. Gran parte dei token hackerati è stata convertita in 228.523 ETH, che al momento in cui scriviamo valgono circa 280 milioni di dollari.

Tra le altre notizie, Vitalik Buterin, cofondatore di Ethereum, ha criticato FTX per aver fatto ciò che ha descritto come "compliance virtue signaling", paragonando l'exchange a Mt. Gox e Luna, che, secondo Buterin, sono stati sospetti fin dall'inizio. Il cofondatore di Ethereum ha sottolineato che questo tipo di frode fa più male delle altre.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store