Coin News

Il responsabile di Kraken Australia: solo le imprese con una "cattiva gestione dei bilanci" hanno subito il contraccolpo del crollo di Terra

51 min ago3 min readBlockchain
Il responsabile di Kraken Australia: solo le imprese con una "cattiva gestione dei bilanci" hanno subito il contraccolpo del crollo di Terra

Secondo Jonathon Miller, amministratore delegato di Kraken Australia, il contraccolpo della famigerata implosione di Terra di quest'anno si è propagato solo alle società e ai protocolli con una "cattiva gestione dei bilanci" e non alla tecnologia blockchain sottostante.

Parlando con Cointelegraph, il responsabile del crypto exchange australiano ha sostenuto che settori come la finanza decentralizzata (DeFi), basata su Ethereum, hanno rivelato la loro forza fondamentale quest'anno, resistendo alle gravi condizioni di mercato:

"I danni che abbiamo osservato in alcune piattaforme di prestito cripto [erano] basate su un modello di prestito di tipo finanziario tradizionale. Ma non abbiamo assistito a un fallimento catastrofico dei protocolli sottostanti. E credo che questo sia stato riconosciuto da molte persone".

"Piattaforme come Ethereum non sono fallite quando è arrivata la volatilità. I mercati decentralizzati, i modelli di prestito decentralizzati, la DeFi in generale, non sono crollati. Non c'è stato alcun contagio. Quello che si è visto è stata una cattiva gestione dei bilanci da parte di alcune piattaforme di lending", ha aggiunto.

Il commento di Miller arriva nonostante CoinGecko abbia segnalato un calo del 74,6% della market cap della DeFi, nel secondo trimestre del 2022, in seguito al crollo di Terra e all'aumento degli exploit. Tuttavia, l'aggregatore di dati sulle criptovalute ha anche notato che il settore è riuscito a mantenere la maggior parte dei suoi utenti giornalieri attivi.

Miller ha anche aggiunto che i progetti blockchain hanno avuto problemi solo quando il design dei loro protocolli sottostanti era "ovviamente scadente", come nel caso della stablecoin algoritmica TerraUSD Classic (USTC) di Terra.

"Penso che sia un compromesso. C'è un problema di gestione del Tesoro, non un problema di blockchain", ha dichiarato.

Interrogato su come Kraken abbia affrontato il mercato ribassista delle criptovalute quest'anno, Miller ha dichiarato che l'azienda è ben preparata per affrontare la volatilità. Ha fatto notare che la società è sopravvissuta a molte flessioni nei suoi 11 anni di storia e, in particolare, non ha speso molti soldi in marketing durante la corsa al rialzo dello scorso anno.

"Siamo in una posizione leggermente diversa rispetto ad altri exchange che hanno speso molti soldi in pubblicità. Abbiamo un modello di business basato sul passaparola molto forte", ha spiegato.

Miller si è anche detto ottimista sullo stato attuale del settore cripto australiano, affermando che ci sono molti "segnali di fondo rialzisti da parte di aziende che stanno continuando a costruire prodotti".

Ha sottolineato che importanti banche come ANZ hanno recentemente testato l'uso della propria stablecoin su Ethereum e che importanti colossi dei pagamenti come Mastercard hanno aderito alla Blockchain Australia Association, segnalando la forte "intenzione di essere coinvolti in cripto e blockchain".

"Quindi, come dire, le istituzioni che utilizzano la tecnologia di base, forse si scaldano un po' rispetto ad alcune caratteristiche speculative, che abbiamo visto fino al 2022, ma questo è potenzialmente anche una buona cosa".

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store