Coin News

Putin vuole cambiare il sistema dei pagamenti internazionali

10 May, 20223 min readOther
Putin vuole cambiare il sistema dei pagamenti internazionali

Il presidente russo Vladimir Putin ha parlato di piani per rinnovare l'ecosistema dei pagamenti internazionali del paese - nel tentativo di evitare che Mosca scivoli in un pantano economico per mano delle sanzioni guidate dall'Occidente.

La nazione è stata quasi congelata fuori dal commercio internazionale e dal sistema economico globale dopo l'inizio della guerra in Ucraina. Ma Mosca ha risposto con una serie di contromisure.

Putin - Nuovo ecosistema per i pagamenti internazionali

Secondo l'agenzia di stampa statale Tass, Putin ha creato un gruppo di lavoro che è stato incaricato di "creare un nuovo meccanismo per i pagamenti internazionali". Il gruppo sarà guidato da un aiutante chiave di Putin, Maxim Oreshkin, e lancerà anche nuove misure relative alla regolamentazione della valuta, volte a contrastare gli sforzi della comunità internazionale per trascinare il rublo nel baratro.

Il gruppo comprende anche una serie di figure chiave del governo e dell'economia, come il capo della Banca centrale, Elvira Nabiullina, i capi dei ministeri delle finanze e dello sviluppo economico, così come il capo del regolatore finanziario della Russia, e i presidenti del Servizio federale delle imposte e del Servizio federale delle dogane.

Al gruppo di lavoro è stata data l'autorità di implementare la politica statale sulla regolamentazione della valuta e i regolamenti internazionali, ed è stato ordinato di creare l'infrastruttura necessaria per effettuare i regolamenti "tra la Russia e i partner dei paesi amici". La piattaforma farà a meno di valute come il dollaro e l'euro, e richiederà invece l'uso di "rubli russi o le valute nazionali" degli "stati amici".

L'organismo creerà un nuovo sistema di protocolli per gli insediamenti con i partner internazionali e "risolverà le questioni relative alla conduzione di operazioni di finanza commerciale" - così come creerà un nuovo sistema di compensazione dei pagamenti.

L'organismo creerà anche un sistema parallelo per le circa 50 nazioni che il Cremlino ha messo su una lista di "paesi ostili". Se questi paesi desiderano commerciare con la Russia, saranno costretti a pagare in rubli, piuttosto che avere la scelta di pagare usando la loro valuta nazionale.

Anche se il gruppo avrà potere esecutivo, è stato incaricato di cercare l'approvazione di Putin per tutte le principali proposte.

Al gruppo di lavoro è stato anche detto di "sviluppare misure" relative alla regolamentazione degli scambi con l'estero "al fine di garantire un equilibrio tra domanda e offerta nelle transazioni" nei mercati valutari. E al gruppo è stato detto di "lavorare su una serie di altre" questioni finanziarie, comprese quelle relative alle sanzioni internazionali e il congelamento o il sequestro dei beni dello stato russo detenuti all'estero.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store