Coin News

Perché Bitcoin è crollato dopo i dati CPI ribassisti – Ma non è tutto negativo

13 Sep, 20224 min readBitcoin
Perché Bitcoin è crollato dopo i dati CPI ribassisti – Ma non è tutto negativo

Il prezzo di bitcoin sta crollando dall'inizio della sessione statunitense dopo che l'indice sull'inflazione dei prezzi al consumo statunitense è entrata in cima alle preoccupazioni degli economisti.

Bitcoin viene scambiato in ribasso del 4,1% a quota $ 21.404 dopo una buona corsa degli ultimi giorni, in cui il prezzo mostra ancora un dato in rialzo del 13% settimanale.

Come abbiamo detto spesso, i trader di criptovalute aspettano i dati sull'inflazione prima di fare le loro prossime mosse.

Dopo essere rimasti invariati a luglio, i dati statunitensi di agosto hanno visto i prezzi aumentare dell'1% su base mensile, vanificando le speranze che il tasso possa stabilizzarsi per poi iniziare a scendere.

Dopotutto, il bitcoin non è un bene rifugio contro l'inflazione

Bitcoin una volta era pubblicizzato come una protezione contro l'inflazione, nella convinzione che la sua offerta fissa sarebbe stata considerata favorevolmente dagli investitori che cercano di preservare la propria ricchezza dall'erosione di un aumento generale dei prezzi.

Sfortunatamente, da quell'analisi non si percepiva che bitcoin e ancor di più le altre criptovalute sono considerate come azioni ad alto rischio, con valutazioni che si muovono in sincronia con i titoli tecnologici.

I titoli tecnologici e le criptovalute vengono venduti per prima

I titoli tecnologici ad alto rischio sono generalmente valutati sulla base dei guadagni futuri, e dei tassi di interesse più elevati intaccano quella proiezione di guadagno.

La correlazione tra le azioni tecnologiche e le criptovalute è mantenuta dal fatto che sono gli investitori tecnologici, di solito di fascia demografica più giovane, quelli che hanno maggiori probabilità di detenere anche criptovalute.

Quando gli investitori cercheranno di riequilibrare i loro portafogli eliminando gli asset più rischiosi, i titoli tecnologici e le criptovalute saranno in cima alla lista.

Tornando agli ultimi dati sull'inflazione, mentre il tasso annuo è leggermente inferiore da luglio, all'8,3% ora rispetto all'8,5 di prima, ciò non ha fatto nulla per smorzare l'idea che la Federal Reserve statunitense continuerà ad applicare aggressivi rialzi ai tassi di interesse per frenare la pressione inflattiva che attanaglia tutta l'economia.

L'inflazione core ha superato le aspettative

Il calo dei prezzi del greggio delle ultime settimane spiega il lieve calo dell'inflazione rispetto a luglio.

Tuttavia, l'inflazione core, che esclude i costi di cibo e carburante, è stata sostanzialmente al di sopra delle previsioni, al 6,3% quando si pensava un dato del 6,1%. La cifra di luglio era del 5,9%.

La Fed deciderà i tassi la prossima settimana e si prevede un altro aumento di 75 punti base, dopo che il presidente della Fed ha dichiarato la scorsa settimana che agirà "in modo schietto" per controllare i prezzi.

l prezzo di Bitcoin è ancora nell'intervallo degli ultimi mesi, niente panico

Bitcoin è attualmente scambiato del 69% al di sotto del suo massimo storico di $ 68.721.

Sul grafico trimestrale l'asset digitale principale è ancora all'interno del range di trading. Gli analisti di mercato cercheranno ora di vedere come le azioni reagiranno agli ultimi dati sull'inflazione.

I futures di S&P500 indicano un forte calo del 2% per l'indice, all'apertura dei mercati azionari statunitensi di oggi.

Anche se Bitcoin ha perso il suo livello di $ 22k recentemente recuperato, saranno i $ 20k a essere il livello psicologicamente più importante da mantenere. Infatti, la resilienza delle crypto continua nonostante questa ultima battuta d'arresto, ci sono indicazioni che il mercato si sta avvicinando alla fase di minimo.

Una serie di fattori, come gli eventi di deleveraging degli ultimi mesi suggeriscono che potrebbe essere in atto una ripresa dei prezzi.

Inoltre, sono incoraggianti anche i continui sviluppi sul fronte istituzionale, con tante aziende che investono in crypto e gli ultimi rapporti del gigante dei fondi Fidelity che ha aperto a Bitcoin i suoi 34 milioni di conti di trading al dettaglio al trading.

Anche Bitcoin Magazine riporta oggi che la Russia potrebbe iniziare a utilizzare bitcoin negli scambi internazionali già dal prossimo anno, in quello che potrebbe rappresentare un evento sismico per la criptovaluta.

Altcoin di qualità sono richieste, specialmente nei giochi

Ci sono anche altri segnali, come l'appetito degli investitori in criptovalute per progetti nel settore dei giochi.

Alcune società di venture capital continuano ad allocare investimenti nel settore GameFi, e lo stiamo vedendo su una scala impressionante con la meme coin Play-to-Earn di Tamadoge.

La meme coin, che fa da riferimento per il suo gioco in stile Tamagotchi, ha raccolto oltre $ 15 milioni dagli investitori in poco più di un mese, più di quanto raccolto da Ethereum nella sua prevendita originale e più di quanto STEPN abbia raccolto in totale dagli investitori, incluso FTX.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store