Coin News

Nonostante i tagli al settore tecnologico, il mercato del lavoro crypto resiste

19 May, 20225 min readOther
Nonostante i tagli al settore tecnologico, il mercato del lavoro crypto resiste

Nonostante i recenti licenziamenti di alto profilo e i vari blocchi delle assunzioni nelle grandi aziende tecnologiche, il mercato del lavoro nel settore delle criptovalute mostra pochi segni di rallentamento.

Nelle ultime settimane, diverse grandi aziende tecnologiche hanno annunciato una riduzione del personale, citando la flessione del mercato tradizionale e la diminuzione della domanda di prodotti che aveva riscontrato un boom durante la pandemia. I tagli alle assunzioni riguardano Twitter, Uber, Amazon e Robinhood.

Martedì scorso, il servizio di streaming Netflix ha licenziato 150 dipendenti, per lo più residenti negli Stati Uniti, a causa del rallentamento della crescita dei ricavi. Ad inizio mese, dopo non aver soddisfatto gli obiettivi di fatturato, Meta, la holding di Facebook, ha istituito un blocco delle assunzioni per la maggior parte delle posizioni di medio e alto livello.

Il settore delle criptovalute non ne è rimasto del tutto immune. Martedì Coinbase ha annunciato un rallentamento delle assunzioni, dopo aver registrato una perdita di 430 milioni di dollari nel primo trimestre. Emelie Choi, chief operating officer di Coinbase, ha comunicato ai dipendenti tramite una nota interna che i piani previsti a triplicare l'organico nel 2022 sono stati sospesi, a causa delle condizioni di mercato che impongono all'azienda di "rallentare le assunzioni e rivalutare le esigenze di organico rispetto ai nostri obiettivi aziendali più prioritari".

Siamo di fronte ad un forte rallentamento delle assunzioni nel settore crypto? I crypto recruiter con cui abbiamo discusso non sono dello stesso parere.

Abbiamo sentito parlare di un forte rallentamento del settore tecnologico, ma non ce ne siamo quasi accorti, a parte l'aumento dei candidati che tentano di entrare nel mercato delle criptovalute. Siamo stati sommersi da richieste di candidati di alto livello e abbiamo posizioni in tutti i settori.

We've been hearing about a big slowdown in tech but we've hardly noticed it other than many more candidates looking to enter the crypto markets. We've been overwhelmed with requests for quality candidates and have positions across all sectors.— Cryptorecruit (@cryptorecruit) May 18, 2022

"Non abbiamo registrato un rallentamento nelle assunzioni crypto. Siamo impegnati come sempre", ha dichiarato Neil Dundon, fondatore di Crypto Recruit.

L'azienda di Dundon è specializzata nel recruitment esclusivo dell'ambito crypto e blockchain:

"Abbiamo un team a livello globale negli Stati Uniti, in Asia/Pacifico e in Europa, e la domanda è altrettanto elevata in tutta la regione".

Kevin Gibson, fondatore di Proof of Search, ha dichiarato a Cointelegraph che i licenziamenti nel settore tecnologico hanno avuto finora un impatto minimo o nullo sui suoi clienti del settore crypto.

"Ho sentito parlare di due sole aziende che hanno licenziato", ha riferito Gibson. "Ciò potrebbe mutare durante il prossimo mese, ma qualsiasi licenziamento sarà immediatamente assorbito da progetti di qualità ben finanziati. Come candidati, non noterete alcuna differenza. Se perdeste il lavoro, avrete anche più offerte molto rapidamente".

Finanziamenti da parte dei VC

Gibson ha affermato che la maggior parte dei progetti crypto sono ancora nelle fasi iniziali del loro ciclo di vita e operano ancora grazie ai finanziamenti di venture capital (VC) ottenuti lo scorso anno:

"La maggior parte dei progetti di qualità sono stati finanziati l'anno scorso, quindi continueranno a sviluppare e ad assumere. C'è stato un tale squilibrio tra talenti e ruoli disponibili che un eventuale contrazione dai progetti prefinanziati non sarà notata".

Secondo il rapporto "State of Blockchain Q1 22" di CB Insights, le startup del settore blockchain e crypto hanno registrato un trimestre con finanziamenti da record, con un finanziamento di rischio che ha raggiunto il massimo storico nel periodo, raccogliendo 9,2 miliardi di dollari e battendo il precedente trimestre di 8,8 miliardi di dollari del Q4 2021. Si è trattato del settimo trimestre consecutivo di finanziamenti record per la blockchain.

Dundon ha dichiarato di aver osservato un numero maggiore di aziende e dipendenti del settore tecnologico tradizionale avventurarsi nel settore crypto, arricchendo ulteriormente il mercato del lavoro:

"Come minimo, la maggior parte delle aziende tecnologiche lungimiranti sta stanziando un budget per valutare come incorporare la blockchain nei loro modelli esistenti. Non solo un numero sempre maggiore di aziende si sta avventurando in questo settore, ma anche i candidati si stanno accalcando a causa del ridimensionamento della tecnologia tradizionale".

Uno studio di LinkedIn pubblicato a gennaio ha rilevato che le offerte di lavoro correlate al settore crypto sono aumentate del 395% negli Stati Uniti dal 2020 al 2021, rispetto a un aumento del 98% nel settore tecnologico durante lo stesso periodo. Tra le posizioni di lavoro più comunemente richieste vi sono sviluppatori e ingegneri blockchain.

Secondo Glassdoor, lo stipendio medio annuo degli sviluppatori blockchain è di 109.766$. Quello di un ingegnere blockchain è leggermente inferiore, pari a 105.180$.

Alla domanda se l'attuale mercato crypto ribassista possa tradursi in un maggior numero di licenziamenti di aziende del settore, Dundon ha commentato che non si aspetta una situazione simile a quella del 2018.

"In passato le assunzioni di criptovalute tendevano a rallentare proprio quando il prezzo di Bitcoin crollava. Era quasi direttamente correlato al prezzo", ha suggerito Dundon:

"Questa volta, però, è diverso, in quanto le società crypto adesso gestiscono le loro tesorerie in modo molto più responsabile. Tutto questo si traduce in un mercato delle assunzioni molto più stabile".

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store