Coin News

New York vieta bitcoin alimentato dal carbonio

3 Jun, 20222 min readBitcoin
New York vieta bitcoin alimentato dal carbonio

Le autorità di regolamentazione di tutto il mondo lavorano per adottare posizioni diverse sul mining di criptovalute, lo stato americano di New York e il paese dell'Africa orientale del Kenya offrono due esempi di come i legislatori possono contrastare o promuovere l'innovazione crypto attraverso le loro iniziative.

Citando la necessità di limitare il consumo energetico dello stato, il Senato di New York ha approvato un disegno di legge che introduce una moratoria su alcune operazioni di mining di criptovalute, con l'uso di metodi di autenticazione proof-of-work (PoW) per convalidare le transazioni blockchain. La moratoria di due anni riguarda tutti i nuovi progetti di mining PoW gestiti con l'uso di combustibili a base di carbonio, inclusi bitcoin (BTC) e altri crypto asset.

Dopo essere stato approvato dal Senato e dall'Assemblea dello Stato di New York, la camera bassa della legislatura dello stato, il disegno di legge è stato consegnato al governatore di New York. A meno che il governatore in carica, la democratica Kathy Hochul, non metta il veto al disegno di legge, le sue disposizioni entreranno in vigore.

Il disegno di legge afferma che "il funzionamento continuato e ampliato delle operazioni di mining di criptovaluta, che eseguono metodi di autenticazione proof-of-work per convalidare le transazioni blockchain, aumenterà notevolmente la quantità di consumo di energia nello stato di New York avrà un impatto sulla conformità con il Climate Leadership and Community Protection Act".

Kenya promuove BTC verde

D'altra parte, la società di produzione energetica del Kenya KenGen ha adottato un approccio diverso alle criptovalute, dichiarando i suoi piani per offrire alle società di mining di BTC l'energia geotermica in eccesso di KenGen. Quartz riferisce che questo è progettato per aiutare gli operatori del settore a soddisfare i loro bisogni energetici.

Il business energetico afferma che, offrendo energia pulita, contribuirà a ridurre le emissioni di CO2 del mining di criptovalute innescate dal mining di bitcoin.

In qualità di principale produttore di energia geotermica dell'Africa, il Kenya ha una capacità installata di 863 MW, la maggior parte della quale è garantita da KenGen. Lo stato ha un potenziale geotermico stimato di circa 10.000 MW situato lungo il circuito della Rift Valley, che potrebbe essere utilizzato per promuovere il mining di criptovalute verdi da parte degli attori del settore locale.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store