Coin News

Il miner Core Scientific dubita di poter continuare ad operare senza ulteriore liquidità

10 min ago3 min readMining
Il miner Core Scientific dubita di poter continuare ad operare senza ulteriore liquidità

A causa dell'incertezza finanziaria Core Scientific, Bitcoin (BTC) miner, nutre un "sostanziale dubbio" circa il fatto di poter continuare le operazioni nei prossimi 12 mesi.

Nella relazione trimestrale depositata presso la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti il 22 novembre, l'azienda ha indicato di aver accumulato una perdita netta di 434,8 milioni di dollari nel terzo trimestre del 2022.

Dopo le perdite nette di 862 milioni di dollari del secondo trimestre, le perdite nette totali per il 2022 ammontano a 1,71 miliardi di dollari.

La società ha suggerito che per continuare le sue operazioni fino a novembre 2023, avrà bisogno di ulteriore liquidità, prevedendo che le sue risorse di cassa "saranno esaurite entro fine 2022 o prima".

"Data l'incertezza sulle condizioni finanziarie dell'azienda, esistono dubbi sostanziali sulla capacità dell'azienda di continuare a operare come un'impresa in attività fino a novembre 2023".

L'azienda ha dichiarato di dubitare della propria capacità di reperire fondi tramite finanziamenti o mercati dei capitali, citando "le incertezze e le attuali condizioni di mercato", che hanno ridotto la disponibilità di tali fonti di liquidità.

L'aumento dei costi energetici, il calo del prezzo di Bitcoin e l'aumento dell'hash rate sono stati citati come motivi per cui l'azienda sta soffrendo una carenza di liquidità, aggiungendo che esistono ulteriori "dubbi sostanziali" sulla sua capacità di continuare ad operare, in quanto è "molto difficile prevedere quando o se i prezzi di Bitcoin si riprenderanno o i costi energetici si ridurranno".

Core Scientific aveva precedentemente indicato in un deposito SEC del 26 ottobre che il basso prezzo di Bitcoin, l'aumento del costo dell'elettricità e il rifiuto del crypto lender in bancarotta Celsius di rimborsare un prestito di 2,1 milioni di dollari avrebbero potenzialmente causato un "esaurimento delle risorse di cassa entro fine 2022 o prima".

Core Scientific ha adottato misure per alleviare l'attuale stress finanziario, tra cui la riduzione dei costi operativi, la riduzione o il ritardo delle spese in conto capitale e l'aumento dei ricavi da hosting.

Ha inoltre deciso di non effettuare pagamenti ad alcune delle aziende da cui ha contratto prestiti e avverte che potrebbe essere citata in giudizio per il mancato pagamento e subire di conseguenza un aumento dei tassi di interesse.

Core Scientific non è l'unica società di crypto mining in difficoltà nel mercato attuale: Argo Blockchain sta cercando di raccogliere ulteriore liquidità attraverso la sottoscrizione di azioni ordinarie e avverte che rischia di cessare le operazioni se non dovesse riuscire nell'intento.

Anche l'azienda di mining australiana Iris Energy mostra segni di sofferenza finanziaria, rivelando in un deposito del 21 novembre alla SEC di aver disconnesso l'hardware a causa della produzione di un "flusso di cassa insufficiente".

Charles Edwards, fondatore dell'asset manager Capriole Investments, è particolarmente ribassista sullo stato del mining di Bitcoin, evidenziando in un tweet del 22 novembre che questo tipo di reazione è prevedibile quando il prezzo di Bitcoin è inferiore al costo del mining.

I miner di Bitcoin "staccano la spina" perché "le unità non producono un flusso di cassa sufficiente".Iris Energy in bancarotta.Questo è ciò che accade quando si passa al di sotto del costo elettrico di Bitcoin. Per molti non ha più senso far funzionare i propri impianti di mining.

Bitcoin miners are "unplugging their hardware" because "the units produce insufficient cashflow."Iris Energy bankrupt.This is what happens when we spend time below the Bitcoin Electrical Cost. It no longer makes sense for many to run their mining rigs. — Charles Edwards (@caprioleio) November 22, 2022

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store