Coin News

L'esasperazione dei venditori di Bitcoin tocca i minimi di 4 anni, siglando livelli "tipici" da fine del bear market

3 Nov, 20223 min readBitcoin
L'esasperazione dei venditori di Bitcoin tocca i minimi di 4 anni, siglando livelli "tipici" da fine del bear market

I venditori di Bitcoin (BTC) potrebbero non esser capitolati abbastanza, ma gli attuali trend sono "tipici" del termine dei bear market.

Secondo i dati emessi dalla società di analisi on-chain Glassnode, il comportamento dei venditori suggerisce che si stia formando un macro bottom.

Analista: L'esaurimento dei venditori è "vicino" ai minimi del bear market

Tra i vari indizi che suggeriscono l'avvicinarsi della fine del bear market, Glassnode ha rivelato che la rete stia attraversando una "tempesta perfetta" di bassa volatilità e alte perdite on-chain.

La Seller Exhaustion Constant, calcolata in base alla volatilità mobile mensile e alla redditività delle transazioni on-chain, è ai minimi di lungo periodo.

Come illustrato da un post su Twitter, tali minimi sono rari, essendosi palesati solo sette volte in passato. In sei di queste occasioni si è verificata una volatilità al rialzo, il che implica che Bitcoin possa presto porre fine al suo trend ribassista.

"La Seller Exhaustion Constant di Bitcoin ha registrato il valore più basso da novembre 2018", commenta Glassnode.

In una discussione successiva, il principale analista on-chain Checkmate ha descritto i dati come "tipici" dei mercati ribassisti, aggiungendo che tali livelli si verificano "in prossimità dei minimi".

La Seller Exhaustion Constant è stata originariamente ideata da ARK Invest e David Puell, responsabile del popolare indicatore Puell Multiple.

"La Seller Exhaustion Constant mostrata di seguito è la percentuale dell'offerta circolante totale di Bitcoin in attivo moltiplicata per la sua volatilità negli ultimi 30 giorni", illustra l'analista di ARK Yassine Elmandjra in un articolo dello scorso anno.

"Questo parametro misura se i due fattori si allineano. In particolare, la combinazione di bassa volatilità e perdite elevate è associata alla capitolazione, al disappunto e al bottoming out del prezzo di Bitcoin".

Non ci siamo ancora

Ulteriori dati sugli output di transazione non spesi (UTXO) mostrano tuttavia che gli attuali livelli di BTC spostati on-chain in perdita non corrispondono ai minimi storici del bear market.

Al 29 ottobre, ultima data per la quale sono disponibili le statistiche, il 75% delle UTXO era in attivo, in netto contrasto con fine 2018, quando il conteggio era sceso ben al di sotto del 50%.

Le opinioni qui espresse sono esclusivamente dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di Cointelegraph.com. Ogni investimento comporta dei rischi: dovresti condurre le tue ricerche prima di prendere una decisione.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store