Coin News

Grayscale, un fondo di criptovalute miliardario, si rifiuta di pubblicare una prova sulle riserve: sarà la prossima azienda a crollare?

2 h ago3 min readOther
Grayscale, un fondo di criptovalute miliardario, si rifiuta di pubblicare una prova sulle riserve: sarà la prossima azienda a crollare?

La società di investimenti in criptovalute Grayscale ha rifiutato di condividere una prova sulle sue riserve adducendo "problemi di sicurezza". La mossa ha scatenato delle speculazioni sulla salute finanziaria dell'azienda.

In un tweet di sabato, la società ha affermato che il principale exchange di criptovalute Coinbase, utilizzato da Grayscale come custode dei capitali, esegue spesso "convalide on-chain" aggiungendo che non possono condividere la loro prova delle riserve a causa di rischi per la sicurezza.

"A causa di problemi di sicurezza, non rendiamo pubblicamente disponibili tali informazioni sul portafoglio on-chain e le informazioni di conferma tramite una prova di riserva crittografica o altra procedura di contabilità crittografica avanzata", ha affermato la società.

Nelle criptovalute, la proof-of-reserve (prova delle riserve) è una metodologia che consente agli utenti di dimostrare se un revisore indipendente dispone o meno delle riserve di uno specifico exchange o azienda. Utilizza Merkle Trees per acquisire dati e ottenere una serie di impronte digitali che consentono agli utenti di verificare che i loro fondi siano stati correttamente controllati da una terza parte.

Grayscale ha riconosciuto che la sua decisione di mantenere private le informazioni riguardo le riserve sarebbe stata una "delusione" per alcuni investitori. Tuttavia, la società ha affermato che "il panico scatenato non è una ragione sufficiente per aggirare complessi accordi di sicurezza che hanno tenuto al sicuro i beni dei nostri investitori per anni".

Tuttavia, la recente rivelazione ha solo esacerbato la fiducia degli utenti in Grayscale. Sembra che la maggior parte degli utenti di criptovalute non sia convinta dalla spiegazione fornita dall'azienda, soprattutto perché altri importanti exchange di criptovalute, tra cui Binance e Crypto.com, hanno condiviso la loro proof-of-reserve.

"Non ero preoccupato per la solvibilità di GBTC fino a quando non ho letto questa dichiarazione, per favore spiegate come la proof-of-reserve sia un rischio per la sicurezza?" ha detto ChainLinkGod.eth, un membro di spicco della comunità crittografica e un ambasciatore della comunità di Chainlink.

Anche il famoso crittografo Adam Back ha affermato che le dichiarazioni di Grayscale non "hanno molto senso".

"Le aziende di tracciamento dei contaminanti conoscono gli UTXO e non è difficile chiedere loro un estratto. L'unica cosa che potresti obiettare è che se Coinbase sposta i fondi potrebbe rivelare il loro indirizzo IP e rendere possibile la geolocalizzazione. Ma basterebbe usare Tor per nasconderla", ha aggiunto.

Perché le piattaforme crittografiche devono condividere la prova sulle riserve?

Il crollo di FTX non ha avuto precedenti, una volta era il terzo più grande exchange di criptovalute e si era guadagnato la reputazione di re del salvataggio delle criptovalute durante il recente crollo. Dopo la bancarotta, ha portato molti nel settore delle criptovalute a esprimere preoccupazione per l'affidabilità dei player centralizzati.

Nel tentativo di affrontare questo scetticismo, i dirigenti delle criptovalute hanno iniziato a condividere delle prove sulle riserve. La prima è stata Crypto.com, che ha pubblicato gli indirizzi crittografici rivelando quanto e quali criptovalute detiene per conto dei suoi clienti.

Segui Cryptonews Italia sui canali Social

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store