Coin News

Genesis si rivolge a un esperto di ristrutturazioni per evitare la bancarotta

6 min ago4 min readOther
Genesis si rivolge a un esperto di ristrutturazioni per evitare la bancarotta

Genesis Global Capital, società di crypto lending, avrebbe assunto un consulente per la ristrutturazione al fine di esplorare tutte le possibili opzioni che includono, ma non solo, un potenziale fallimento.

Secondo quanto riferito dal New York Times il 22 novembre, la società ha assunto la banca d'investimento Moelis & Company per esplorare le opzioni possibili, mentre persone che hanno familiarità con la situazione hanno sottolineato che non è stata presa alcuna decisione finanziaria e che è ancora possibile per la società evitare una dichiarazione di fallimento.

È interessante notare che Moelis & Company è stata anche una delle società ingaggiate da Voyager Digital dopo la sospensione dei prelievi e dei depositi il 1° luglio per esplorare "alternative strategiche".

Pochi giorni dopo, Voyager Digital ha presentato istanza di fallimento ai sensi del Capitolo 11 presso il Tribunale del Distretto Sud di New York, nell'ambito di un piano di riorganizzazione che avrebbe finito per "restituire valore ai clienti".

Tuttavia, un portavoce di Genesis ha recentemente dichiarato a Cointelegraph di non avere piani "imminenti" per la bancarotta, dopo che un rapporto di Bloomberg del 21 novembre aveva suggerito il contrario.

"Non abbiamo in programma di dichiarare bancarotta nell'immediato. Il nostro obiettivo è quello di risolvere la situazione attuale in modo consensuale, senza dover presentare alcuna istanza di fallimento. Genesis continua a intrattenere conversazioni costruttive con i creditori", ha dichiarato il portavoce.

Secondo quanto si apprende, Genesis sta cercando di ottenere dagli investitori una cifra compresa tra i 500 milioni e il miliardo di dollari per sanare un deficit che in ultima analisi è derivato da "turbolenze di mercato senza precedenti" e dal crollo del crypto exchange FTX.

Secondo un rapporto di Bloomberg del 22 novembre, la società di prestiti in difficoltà ha 2,8 miliardi di dollari di prestiti in sospeso nel suo bilancio, con circa il 30% dei suoi prestiti fatti a "parti correlate", tra cui la sua società madre Digital Currency Group e la sua affiliata e unità di prestito, Genesis Global Trading.

In una lettera recentemente diffusa da Barry Silbert, amministratore delegato di Digital Currency Group, si legge che l'azienda deve 575 milioni di dollari a Genesis Global Capital, con scadenza maggio 2023.

Dal crollo di FTX l'11 novembre, tutti gli occhi si sono rivolti a Genesis, Grayscale Investments e alla loro società madre Digital Currency Group, con il timore che le aziende possano essere le prossime vittime del contagio.

Nell'ultima settimana tutte e tre le società hanno cercato di placare i timori degli investitori.

Il 17 novembre Grayscale Investments ha rassicurato gli investitori con un tweet, affermando che "la sicurezza delle partecipazioni sottostanti ai prodotti di asset digitali di Grayscale non è stata intaccata", riferendosi all'interruzione della funzionalità di prelievo da parte di Genesis Global Trading, aggiungendo che i suoi prodotti continuano ad operare normalmente.

Sulla scia dei recenti avvenimenti, i nostri investitori devono sapere che la sicurezza e la protezione delle partecipazioni sottostanti ai prodotti di asset digitali di Grayscale sono inalterate.

In the wake of recent events, our investors should know that the safety and security of the holdings underlying Grayscale digital asset products are unaffected.— Grayscale (@Grayscale) November 16, 2022

Genesis ha ribadito che le sue attività di trading spot, derivati e di custodia "rimangono pienamente operative" nonostante la sospensione dei prelievi dei clienti nella sua attività di lending.

Le attività di trading spot, derivati e di custodia di Genesis rimangono pienamente operative. Continuiamo a sostenere i nostri clienti che si affidano a noi in condizioni di mercato volatili per gestire i loro rischi ed eseguire le loro strategie commerciali.

Genesis’s spot and derivatives trading and custody businesses remain fully operational. We continue to support our clients who rely on us during volatile market conditions to manage their risk and execute on their business strategies.— Genesis (@GenesisTrading) November 16, 2022

Nel frattempo, l'ultima lettera agli investitori di Barry Silbert ha rassicurato gli investitori che DCG sia sulla buona strada per raggiungere un fatturato di 800 milioni di dollari nel 2022.

"Abbiamo superato i precedenti crypto winter e anche se questo possa sembrare più estremo, ne usciremo più forti collettivamente", ha concluso.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store