Coin News

Gemini dei gemelli Winklevoss si espande a Seattle, nonostante le turbolenze di settore

15 Nov, 20223 min readOther
Gemini dei gemelli Winklevoss si espande a Seattle, nonostante le turbolenze di settore

Gemini, il crypto-exchange fondato dai gemelli Winklevoss, si espande a Seattle, prevedendo di assumere ben 100 persone in più. Piani di crescita, dunque, nonostante le turbolenze di settore derivanti dal crollo di FTX.

I gemelli Winklevoss espandono Gemini nel suo hub a Seattle

Il celebre crypto-exchange Gemini, co-fondato dai gemelli Winklevoss, ha annunciato i suoi piani di crescita in una delle settimane più turbolenti della storia delle crypto, dichiarando di voler assumere nuovi dipendenti nel suo hub di Seattle.

A quanto pare, mentre FTX sembra essere collassato provocando anche il crollo del suo token FTT e tirando giù l’intero settore, Bitcoin (BTC) incluso, gli Winklevoss, invece, puntano sull’espansione.

E infatti, Gemini ha dichiarato di assumere circa 100 nuovi dipendenti nell’area di Seattle per ruoli che spaziano dal prodotto all’ingegneria. L’ufficio della società nel centro di Bellevue, Wash, conta attualmente 28 dipendenti.

Il crypto exchange avrebbe già assunto alcuni veterani della tecnologia di Seattle per rafforzare i suoi ranghi dirigenziali, tra cui l’ex direttore generale di Amazon Web Services (AWS) Pravjit Tiwana, l’ex ingegnere di AWS, Jorge Peixoto Vasquez e l’ex dirigente di Walmart, Ajay Jaganathan.

Gemini è attualmente l’undicesima piattaforma di scambio di criptovalute per volume. Ha sede a New York ed è operativa in oltre 65 Paesi.

Il crollo di FTX: Sam Bankman-Fried è stato donatore politico di Stabenow-Boozman

Un altro fattore che interessa FTX è che il suo CEO Sam Bankman-Fried, che per giorni è stato in silenzio sui social, sia stato un forte donatore politico nelle elezioni di metà mandato del 2022.

Nello specifico, è emerso che aveva anche esercitato un’intensa attività di lobbying al Congresso per sostenere una proposta di legge bipartisan.

Si tratta della proposta sponsorizzata dalla presidente del Senato per l’Agricoltura Debbie Stabenow (D-Mich.) e dal senatore John Boozman (R-Ark.), che avrebbe dato alla CFTC la supervisione dei broker e delle piattaforme di trading di criptovalute.

Questa proposta di legge Stabenow-Boozman aveva già fatto infuriare i sostenitori del trading decentralizzato e dei sistemi di pagamento che imitano una borsa o un broker centralizzato.

Infatti, questo disegno di legge potrebbe spazzare via le startup della finanza decentralizzata, lasciando invece saldamente radicate le piattaforme di criptovalute centralizzate come FTX.

Certo che il crollo di FTX si sta ritorcendo contro sotto il profilo politico, in quanto proprio la Stabenow avrebbe dichiarato:

“È ora che il Congresso agisca. La commissione rimane impegnata a portare avanti la legge sulla protezione dei consumatori di materie prime digitali, per garantire le necessarie salvaguardie al mercato delle materie prime digitali”.

Le reazioni dei crypto-exchange al crollo di FTX

Mentre Gemini dei gemelli Winklevoss risponde alla settimana del crollo di FTX con una strategia di espansione della sua forza-lavoro a Seattle, altri crypto-exchange come Bitget e Binance, si sono invece adoperati per aiutare direttamente i trader di FTX.

Bitget, ad esempio, ha istituito il “Builders Fund”, un fondo da 5 milioni di dollari per aiutare i partner di FTX che hanno subito delle perdite.

Anche Binance sta agendo nello stesso modo, istituendo un fondo di recupero su Binance Labs per coloro che sono in difficoltà a causa sempre di FTX.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store