Coin News

Ethereum e Bitcoin sono commodities! | Parla il capo di CFTC

26 Oct, 20224 min readBitcoin
Ethereum e Bitcoin sono commodities! | Parla il capo di CFTC

Nel giorno della ripresa boom dei mercati ci sono altre buone notizie, che arrivano questa volta dal settore delle regolamentazioni. Sia Bitcoin che Ethereum dovrebbero essere trattati come commodities, ovvero come materie prime. E a dirlo non è qualche influencer o qualche investitori che si auguri che sia così, ma il capo di uno degli enti regolatori più importanti degli USA.

A parlare infatti è il capo di CFTC, che è la agency che negli Stati Uniti d’America si occupa di regolare il mercato dei futures e delle materie prime. E la cosa – dovrebbe essere ovvio per chi ci segue da tempo – ha dei risvolti per il primo e il secondo cripto asset per capitalizzazione di mercato, perché li toglie dalle potenziali grinfie di una SEC sempre più aggressiva e sempre più disposta ad aggredire direttamente o indirettamente progetti.

All’interno di quanto viene offerto da Capital.com troviamo anche piattaforme professionali come MetaTrader 4 e TradingView, così come possiamo trovare strumenti di intelligenza artificiale per affrontare il mercato nel migliore dei modi analizzando il nostro portafoglio e correggendolo. Con 20€ di investimento in cripto possiamo ottenere il nostro conto reale full optional.

Indice pagina

  • 1 .CFTC è chiara: Bitcoin e Ethereum sono commodities / materie prime
  • 1.1 .Chi la spunterà? Una questione complessa
  • 1.2 .Il mercato tiene, e potrà giovarsi di una SEC più morbida
  • CFTC è chiara: Bitcoin e Ethereum sono commodities / materie prime

    A parlare infatti è Rostin Behnam, che presiede appunto CFTC e che ha ribadito a chiare lettere che Bitcoin e Ethereum sono e rimarranno materie prime, almeno in termini regolamentari.

    Ho suggerito che Ethereum sia [ancora, NDR] una commodity, mentre Gensler [il capo di SEC, NDR] la pensa diversamente.

    Per capire questa laconica (ma densa di significato) espressione è bene fare qualche passo indietro. Gary Gensler aveva infatti avanzato pretese su Ethereum dopo il suo passaggio alla Proof of Stake. O meglio, aveva detto che ci sarebbero stati i margini per considerarla forse come un titolo, ovvero una security. E dunque farla rientrare sotto la sua egida, o meglio quella di SEC.

    Chi la spunterà? Una questione complessa

    La questione è oltremodo complessa, perché oltre a valutazioni di tipo tecnico, che fanno riferimento all’Howey Test, ci sono anche delle considerazioni politiche importanti da fare. La lotta tra CFTC e SEC per accaparrarsi il diritto di regolare un mercato che vale ormai miliardi – e che potenzialmente varrà molto di più in futuro – è sotto gli occhi di tutti.

    SEC ha inoltre tenuto, in un crescendo negli ultimi anni, un atteggiamento sempre più rissoso nei confronti di progetti anche sviluppati e con una buona capitalizzazione di mercato. Progetti come Ripple, che hanno pagato un prezzo molto importante in termini di capitalizzazione e anche di possibilità di fare business negli USA.

    Le elezioni di novembre, che rinnoveranno in parte il Congresso negli USA potrebbero inoltre modificare l’inerzia intorno al comparto. Se dovessero spuntarla i repubblicani, storicamente più vicini alla “deregulation”, il tentativo di SEC di andare a segno su Ethereum si ridurrebbe di molto. Partendo già, almeno a nostro avviso, da scarsissime chance di successo.

    Il mercato tiene, e potrà giovarsi di una SEC più morbida

    Il mercato ha fondamentalmente tenuto anche a fronte di un mercato di asset con elevato profilo di rischio che ha invece faticato su tutta la linea. Una SEC più morbida e accomodante, o semplicemente messa in condizione di non nuocere sarà decisamente più gradita per gli investitori, per istituzionali o meno che siano.

    E qui entra in ballo il tema, ricorrente, della regolamentazione. Sono in pochi ai piani alti della finanza (e anche dal lato degli investitori) a non credere che serva una regolamentazione chiara del settore. Ovvero sapere quello che si può o non si può fare.

    SEC ha provato a riempire questo vuoto ricorrendo alla regulation by enforcement, ovvero letteralmente tramite il tentativo di regolamentare facendo causa a destra e a manca. Non ha funzionato: il settore rimane molto poco chiaro sotto diversi aspetti e al tempo stesso molte aziende ci hanno rimesso miliardi, probabilmente senza aver fatto nulla di male.

    Servirà pertanto, almeno negli USA, un intervento di Congresso e Senato: c’è un draft bipartisan, ovvero una proposta di legge creata in collaborazione tra i due partiti del sistema politico americano, che farebbe da scudo quantomeno a Bitcoin e Ethereum. Se così dovesse passare, le pretese di SEC sarebbero ampiamente ridotte.

    Sempre però tenendo conto del fatto che potremmo trovarci a dover fare i conti con ulteriori problematiche durante l’iter di approvazione di questo specifico disegno di legge. Ovvero con SEC che potrebbe cercare di sparare gli ultimi colpi in canna. Ce la farà? Dalle parti di CFTC dicono assolutamente di no.

    Source

    Subscribe to get our top stories

    Coin News
    App StoreApp Store