Coin News

Elon Musk vuole sbloccare Donald Trump su Twitter

4 d ago3 min readOther
Elon Musk vuole sbloccare Donald Trump su Twitter

Elon Musk vuole sbloccare l’account dell’ex Presidente USA Donald Trump sul social network Twitter. Secondo lui, la decisione del ban era stata “moralmente sbagliata”.

Elon Musk vuole annullare il ban permanente a Donald Trump su Twitter

Secondo quanto detto in un’intervista del Financial Times, sembra che Elon Musk sia favorevole a sbloccare Donald Trump su Twitter.

L’account dell’ex Presidente era stato bandito l’8 gennaio 2021 su decisione dell’ex CEO di Twitter Jack Dorsey, subito dopo che una folla di sostenitori dell’ex presidente aveva invaso il Campidoglio degli Stati Uniti.

Ma il famigerato CEO di Tesla, nonché colui che sta acquisendo il social network per 44 miliardi di dollari, non è d’accordo con la decisione. A tal proposito Musk ha detto:

“Penso che sia stata una decisione moralmente sbagliata, e sciocca all’estremo. Invertirei il ban permanente [su Trump], ma ovviamente non possiedo ancora Twitter, quindi non è una cosa che accadrà sicuramente”.

Ha poi aggiunto:

Bandire Trump da Twitter non ha messo fine alla voce di Trump. La amplificherà tra la destra. Ecco perché è moralmente sbagliato e assolutamente stupido”.

Elon Musk e il ban a Donald Trump come un “forte pregiudizio di sinistra di Twitter”

Fino a questo momento, l’uomo più ricco del mondo non ha voluto schierarsi nella lotta contro le politiche di moderazione di Twitter, seppur ha più volte sostenuto di essere il “campione del free speech”, e cioè il portavoce della libertà di pensiero e di parola.

Ma ora Musk ha definito il blocco a Trump come un “forte pregiudizio di sinistra” all’interno dell’azienda di social media, facendo riferimento soprattutto all’ubicazione della sua sede centrale a San Francisco.

Secondo Musk, questo orientamento politico di Twitter rende difficile creare fiducia in altre parti degli Stati Uniti e forse anche nel mondo. Anzi, per lui Twitter deve essere più equilibrato.

Infine, Musk ha anche detto che, sebbene si opponga ai divieti a vita, ritiene comunque giusto sospendere talvolta gli account degli utenti o rendere alcuni dei loro tweet meno visibili agli altri utenti di Twitter.

Da nuovo proprietario a CEO del social network

Di recente è stato rivelato che Musk, il nuovo proprietario di Twitter, dovrebbe ricoprire anche il ruolo di CEO del social network, anche se in modo temporaneo e per alcuni mesi.

Se così fosse, Musk avrebbe sicuramente l’appoggio del co-fondatore di Twitter ed ex CEO Jack Dorsey, che proprio in riferimento all’ultima questione sull’account di Trump (da lui stesso rimosso), avrebbe commentato come segue:

it was a business decision, it shouldn't have been. and we should always revisit our decisions and evolve as necessary. I stated in that thread and still believe that permanent bans of individuals are directionally wrong.— jack (@jack) May 10, 2022

“È stata una decisione commerciale, non avrebbe dovuto esserlo. e dovremmo sempre rivedere le nostre decisioni ed evolverle se necessario. In quel thread ho affermato e continuo a credere che i divieti permanenti di individui siano sbagliati.”

Chi invece non è molto sostenitore di tale scenario, è l’attuale CEO di Twitter, Parag Agrawal che sta guidando l’azienda da soli pochi mesi (da novembre).

E, infatti, pare che Agrawal avrebbe detto ai dipendenti della società che il futuro di Twitter è incerto, ora che Elon Musk ne diverrà proprietario.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store