Coin News

I dati mostrano che i trader sono leggermente rialzisti nonostante il market cap totale delle cripto sia sceso sotto gli 800 miliardi di dollari

34 min ago4 min readOther
I dati mostrano che i trader sono leggermente rialzisti nonostante il market cap totale delle cripto sia sceso sotto gli 800 miliardi di dollari

Tra il 14 e il 21 novembre la capitalizzazione totale del mercato cripto è scesa del 5%, raggiungendo la cifra di 795 miliardi di dollari. Tuttavia, il sentimento generale è decisamente peggiore, considerando che questa valutazione è la più bassa registrata dal dicembre 2020.

Il prezzo del Bitcoin (BTC) è sceso di appena il 2,8% in settimana, ma gli investitori hanno poco da festeggiare perché l'attuale livello di 16.100 $ rappresenta un calo del 66% da inizio anno. Anche se il crollo di FTX e Alameda Research è stato già prezzato, l'incertezza degli investitori si concentra ora sui fondi Grayscale, compreso il Grayscale Bitcoin Trust da 10,5 miliardi di dollari.

Il 16 novembre Genesis Trading, parte del conglomerato Digital Currency Group (DCG), ha interrotto i prelievi. Nel suo ultimo rapporto trimestrale, la società di trading di derivati e crypto lending ha dichiarato di avere crediti attivi per 2,8 miliardi di dollari. Grayscale, l'amministratore del fondo, è una filiale di DCG e Genesis ha agito come fornitore di liquidità.

Il calo settimanale del 5% in termini di capitalizzazione totale del mercato è stato influenzato soprattutto dalla flessione dell'8,5% del prezzo di Ether (ETH). Tuttavia, il sentimento ribassista ha influito maggiormente sulle altcoin, visto che nove delle 80 principali monete hanno perso il 12% o più nel periodo in questione.

Litecoin (LTC) ha guadagnato il 5,6% dopo che gli indirizzi dormienti da un anno hanno superato i 60 milioni di monete.

NEAR (NEAR) di Near Protocol è scesa del 23% a causa delle preoccupazioni sui 17 milioni di token detenuti da FTX e Alameda, le quali hanno sostenuto Near Foundation nel marzo 2022.

MANA (MANA) di Decentraland ha perso il 15% e Ethereum Classic (ETC) un altro 13,5%, poiché entrambi i progetti presentavano notevoli investimenti da parte di Digital Currency Group, società che controlla la travagliata Genesis Trading.

Domanda di leva equilibrata tra tori e orsi

I contratti perpetui, noti anche come swap inversi, hanno un costo intrinseco solitamente addebitato ogni otto ore. Gli exchange utilizzano questo tasso per evitare squilibri del rischio di cambio.

Un tasso di finanziamento positivo indica che i long (acquirenti) richiedono una maggiore leva finanziaria. Al contrario, la situazione opposta si verifica quando gli short (venditori) richiedono una leva finanziaria aggiuntiva, causando un tasso di finanziamento negativo.

Per quanto riguarda Bitcoin, il tasso di finanziamento a sette giorni è leggermente negativo, quindi i dati indicano un'eccessiva domanda di short (venditori). Tuttavia, un costo settimanale dello 0,20% per mantenere le posizioni ribassiste non è preoccupante. Inoltre, le altre altcoin — a parte SOL (SOL) di Solana — hanno presentato numeri contrastanti, indicando una domanda equilibrata tra long (acquirenti) e short.

I trader dovrebbero anche analizzare i mercati delle opzioni per capire se le whales e i desk di arbitraggio hanno puntato maggiormente su strategie rialziste o ribassiste.

Il rapporto opzioni put/call mostra una tendenza rialzista moderata

I trader possono valutare il sentimento generale del mercato misurando se l'attività si svolge maggiormente attraverso le opzioni call (acquisto) o put (vendita). In generale, le opzioni call sono utilizzate per le strategie rialziste, mentre le opzioni put per quelle ribassiste.

Un rapporto put/call di 0,70 indica che l'interesse aperto delle opzioni put è inferiore del 30% rispetto alle call, più rialziste, ed è quindi rialzista. Al contrario, un indicatore di 1,20 favorisce le opzioni put del 20% e può essere considerato ribassista.

Nonostante il prezzo del Bitcoin sia sceso sotto i 16.000 $ il 20 novembre, gli investitori non si sono affrettati a proteggersi dal ribasso con le opzioni. Di conseguenza, il rapporto put/call si è mantenuto stabile vicino a 0,54. Inoltre, il mercato delle opzioni sul Bitcoin rimane maggiormente popolato da strategie neutrali o ribassiste, come indica l'attuale livello di preferenza per l'acquisto di opzioni (call).

Dai dati sui derivati emerge la resistenza degli investitori, vista l'assenza di un'eccessiva domanda ribassista, come risulta dal tasso di finanziamento dei futures e dall'open interest delle opzioni neutral-to-bullish. Di conseguenza, le probabilità sono favorevoli per coloro che scommettono che il supporto da 800 miliardi di dollari in termini di capitalizzazione di mercato mostrerà forza.

I punti di vista, i pensieri e le opinioni qui espressi sono esclusivamente degli autori e non riflettono o rappresentano necessariamente i punti di vista e le opinioni di Cointelegraph.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store