Coin News

Crypto e Bitcoin sono schemi Ponzi! | JP Morgan cade ancora…

22 Sep, 20224 min readBitcoin
Crypto e Bitcoin sono schemi Ponzi! | JP Morgan cade ancora…

Ancora il CEO di JP Morgan. Ancora un attacco al mondo di Bitcoin, nonostante la sua banca sia una delle più attive del comparto. Ancora una litania, o forse sarebbe il caso di dire una filastrocca. Senza alcun merito, senza alcun senso, senza nulla di nuovo. Jamie Dimon è qui, lotta insieme a noi e benché dovrebbe essere affaccendato in questioni decisamente più serie, date anche le condizioni specifiche dell’economia, ha ben pensato di tornare ad attaccare frontalmente il comparto di cui Criptovaluta.it si occupa ogni giorno.

Senza risparmiare nessuno, perché se è vero che tra i 10.000+ progetti cripto esistenti molti non hanno ragion d’essere se non per spillare denaro ai meno attenti, è altrettanto vero che avere questo tipo di dubbi su Bitcoin non ha granché senso e può essere interpretato soltanto in due modi. Il primo come ignoranza di chi parla, il secondo come indirizzo di chi ha un’agenda diversa.

Sempre al suo interno troviamo il top degli strumenti per fare trading: da MetaTrader 4 scelto per offrire servizi di analisi di livello professionale, fino a TradingView da integrare con il WebTrader interno, dotato anche di intelligenza artificiale. Con 20€ possiamo passare al conto reale di trading.

Bitcoin uno schema Ponzi: lo dice l’esperto di…

Sono un grande scettico dei cripto-token, che voi chiamate valute, come Bitcoin. Sono degli schemi Ponzi decentralizzati.

A dirlo non è uno qualunque, ma Mr. Dimon, CEO di JP Morgan, banca d’affari e retail che è la più importante al mondo e che nonostante le mattane e le litanie del suo boss è tra le più coinvolte nel mondo cripto e Bitcoin. Critiche che un tempo avremmo rispedito al mittente con dovizia di argomentazioni, e che oggi devono invece essere prese per quello che sono. Ovvero per una nuova edizione di “Il computer? Io non so mica usarlo”, oppure “sono una frana in matematica”, roba che si dice sghignazzando per coprire la propria ignoranza e per cercare sponde tra persone ignoranti quanto chi pronuncia queste frasi.

Un parere duro? Probabilmente sì, ma avremo dalla nostra almeno il merito di aver studiato cosa può fare Bitcoin non solo per gli investitori, ma per chi anela alla libertà finanziaria, di spesa e di guadagno. Spesso anche in contrasto con il grande schema delle cose e con una progressiva erosione di questi diritti anche a causa delle banche. Banche che di fronte a compliance per l’uomo della strada al pari del peggiore dei terroristi non hanno mai battuto ciglio.

Banche che non hanno alcun interesse alla portata rivoluzionaria di Bitcoin proprio perché in conflitto con i propri interessi da crony capitalist. Poco male però, perché chi ha scelto invece scientemente di utilizzare Bitcoin, di comprenderne l’enorme portata finanziaria e politica è sicuro anche del fatto di avere tutti gli strumenti per vivere in futuro una vita che non avrà bisogno dei soloni a capo delle grandi banche.

Se Bitcoin è un Ponzi, lo è tutto quello che conosciamo

E qui torniamo alle argomentazioni meno politiche e più scientifiche. Bitcoin è uno strumento che ha insegnato alle persone a modificare le proprie preferenze temporali, che ha fatto comprendere a molti, quasi tutti, il grande inganno di una moneta che può essere emessa a comando e che ha insegnato al tempo stesso il concetto di vero patrimonio e vera ricchezza a milioni di persone.

È anche strumento, facciamo il caso di El Salvador, che ha permesso al 2% (per ora poco, ma vedremo in futuro) di liberarsi dal gioco bancario e dei money transfer per ricevere denaro da figli e parenti che lavorano all’estero. È anche strumento che ci insegna la cosa più importante: che i soldi nella banca non sono completamente nostri, e che l’autocustodia di $BTC è quanto di più intelligente possiamo fare per riappropriarci della nostra libertà finanziaria.

Non piace al CEO di JP Morgan? Ce ne faremo una ragione. Perché Satoshi Nakamoto ha donato al mondo uno strumento utile proprio per iniziare a fregarsene, passateci il termine forte, di quello che pensano ai piani alti di Wall Street. E di quello che decideranno di fare con la vostra libertà.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store