Coin News

Crollo UST - Società "accusate" negano il coinvolgimento

12 May, 20223 min readRegulation
Crollo UST - Società "accusate" negano il coinvolgimento

Il market maker globale Citadel Securities e il principale asset manager BlackRock hanno negato il coinvolgimento nel crollo della stablecoin algoritmica TerraUSD (UST).

Le affermazioni sono arrivate dopo che si è diffusa a macchia d'olio sui social media una teoria cospirativa secondo cui Citadel Securities e BlackRock avrebbero sferrato un attacco coordinato a UST e avrebbero tratto enormi profitti dal suo crollo.

In una dichiarazione rilasciata a Bloomberg, un rappresentante di Citadel Securities ha affermato che la società non è coinvolta nella situazione e che "non si occupa di stablecoin, compresa UST".

Anche BlackRock ha negato il coinvolgimento, dichiarando che:

"Le voci secondo cui BlackRock avrebbe avuto un ruolo nel crollo di UST sono categoricamente false. Infatti, BlackRock non fa trading di UST", ha dichiarato il portavoce Logan Koffler in un comunicato inviato via e-mail.

L'8 maggio, UST ha iniziato ad allontanarsi lentamente dal suo legame con il dollaro USA, dopo che un'ondata di vendite ha colpito il mercato delle criptovalute. La stablecoin algoritmica non è riuscita a recuperare il suo peg, esacerbando la mancanza di fiducia nel mercato che ha portato ad un elevato volume di prelievi dal Terra's Anchor Protocol, dove sono stati bloccati più di 12 miliardi di UST.

Come riportato, nella comunità delle criptovalute sono iniziate subito a circolare diverse teorie cospirative che ipotizzavano cosa potesse aver portato UST a perdere il suo peg.

Mentre alcuni sostenevano che il problema fosse dovuto a un problema strutturale della natura della stablecoin, altri hanno iniziato a incolpare le principali società di investimento, sostenendo che avessero organizzato un attacco coordinato.

Una di queste teorie includeva Citadel Securities e BlackRock e sosteneva che avessero preso un enorme prestito di Bitcoin dalla borsa di criptovalute Gemini, poi ne avessero scambiato una parte con UST e avessero iniziato a vendere i loro Bitcoin (BTC) e UST dopo aver aperto una posizione scoperta.

La teoria è stata condivisa anche da alcuni veterani della criptovaluta sulle piattaforme sociali. Anche Charles Hoskinson, il fondatore di Cardano (ADA), ha condiviso la cospirazione in un tweet ora cancellato.

In particolare, il crypto exchange Gemini, che secondo la teoria del complotto avrebbe fatto un prestito a Citadel Securities e BlackRock, ha negato di aver emesso tale prestito.

"Siamo a conoscenza di una storia che recentemente ha suggerito che Gemini ha fatto un prestito di 100K BTC a grandi controparti istituzionali e che, secondo quanto riferito, ha portato ad un selloff in LUNA", ha detto l'exchange su Twitter, aggiungendo:

"Gemini non ha fatto alcun prestito di questo tipo".

Il prezzo e l'andamento di UST e LUNA

Ciononostante, il token di Terra LUNA e la sua stablecoin decentralizzata UST hanno ripreso il loro movimento al ribasso, senza segni di cedimento.

Alle 7:33 UTC, LUNA - ora l'89esima moneta per capitalizzazione di mercato - viene scambiata a 0,18 dollari, con un calo del 96,6% nelle ultime 24 ore e quasi del 100% in una settimana. La moneta è anche in calo del 99,9% rispetto al massimo storico di 119,18 dollari registrato poco più di un mese fa.

Anche la stablecoin algoritmica dell'ecosistema non è riuscita a recuperare la quota di 1 dollaro prevista, anche se è salita del 45% nell'ultimo giorno. Al momento, UST viene scambiata a 0,519 dollari USA ed è in calo del 48,2% nell'ultima settimana.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store