Coin News

Le criptovalute perse in seguito all'hack su Solana potrebbero essere rivendicate come perdita fiscale

7 d ago3 min readRegulation
Le criptovalute perse in seguito all'hack su Solana potrebbero essere rivendicate come perdita fiscale

Per gli sfortunati investitori in criptovalute che cercano di trasformare i limoni in limonata — è emerso che i beni digitali persi durante un exploit o un hack, possono essere potenzialmente rivendicati come perdita fiscale, a condizione che si viva nel paese giusto, hanno detto gli esperti a Cointelegraph.

Dopo la notizia che più di 8.000 wallet Solana sono stati compromessi e che circa 8 milioni di dollari in criptovalute sono stati rubati, a causa di una violazione della rete di sicurezza del wallet provider Web3 Slope, questa potrebbe essere una consolazione necessaria.

L'hacking di Solana e le sue possibili conseguenze fiscali: Un thread — Crypto Tax Calculator (@CryptoTaxHQ) August 3, 2022

The Solana hack, and it’s possible tax consequences: A thread — Crypto Tax Calculator (@CryptoTaxHQ) August 3, 2022

In una corrispondenza con Cointelegraph, Shane Brunette, CEO di CryptoTaxCalculator con sede in Australia, ha confermato che le criptovalute perse tramite un hack o un exploit potrebbero essere dichiarate come perdita ai fini fiscali, in alcune giurisdizioni.

"Ciò significa che l'importo originale pagato per gli asset può essere utilizzato per compensare altre plusvalenze".

Alla domanda se esistano disposizioni simili in altre giurisdizioni fiscali diverse dall'Australia, paese in cui ha sede la società di software, Brunette ha risposto:

"Molti Paesi hanno una disposizione che consente questi tipi di detrazioni fiscali [...] tuttavia, si dovrebbe lavorare a stretto contatto con un professionista fiscale locale e assicurarsi di conservare una prova adeguata della perdita".

Danny Talwar, responsabile delle imposte di Koinly, ha confermato la stessa cosa a Cointelegraph, sottolineando però che in Australia è necessario dimostrare che la criptovaluta persa era sotto il proprio controllo al momento del furto.

"Per reclamare una perdita di capitale dovuta ad un hacking cripto, dovrete dimostrare all'Australian Tax Office (ATO) che la criptovaluta è andata perduta e che era sotto il vostro controllo".

Talwar ha anche dichiarato che è fondamentale che l'autorità fiscale abbia prove sufficienti che la criptovaluta sia irrecuperabile, suggerendo l'uso di strumenti di explorer della blockchain, come Etherscan e Solscan, per ottenere prove legittime sull'indirizzo di destinazione dell'hacker, che potrebbe anche fornire la prova di un ampio pool di fondi rubati.

Secondo le leggi fiscali australiane, qualsiasi prova di un hackeraggio deve includere anche le date di acquisizione o perdita delle chiavi private e tutti gli indirizzi dei wallet associati.

Sfortunatamente per gli investitori cripto statunitensi, la richiesta di rimborso come perdita fiscale, delle criptovalute rubate, non è più possibile a causa della riforma introdotta nel 2017, secondo un post sul blog di CryptoTaxCalculator.

Per coloro che vivono nel Regno Unito e in Canada, le cose sono un po' più complicate, ma una richiesta di rimborso delle perdite fiscali è possibile se gli investitori sono disposti a seguire i passi specifici stabiliti dall'ufficio delle imposte di ciascun Paese.

Solo quest'anno sono stati persi circa 2,6 miliardi di dollari in asset digitali a causa di hacker e attori malintenzionati, con gli attacchi cross-chain bridge che hanno rappresentato il 69% dell'importo totale perso.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store