Coin News

Creditori di Voyager dicono no ai premi di fidelizzazione

22 Aug, 20223 min readOther
Creditori di Voyager dicono no ai premi di fidelizzazione

I creditori del travagliato prestatore di criptovalute Voyager Digital si sono opposti alla mozione della società di pagare i "premi di fidelizzazione" ai dipendenti, affermando che dovrebbe invece ridurre l'"organico" per ridurre i costi.

Il Comitato ufficiale dei creditori, un gruppo di clienti Voyager, ha dichiarato in un recente deposito legale che,

"In un momento in cui migliaia di creditori lottano per pagare le spese personali di base a causa del modello di business imperfetto dei debitori, i debitori ora cercano di pagare bonus ai loro dipendenti già ben compensati".

Creditori criticano Voyager

I creditori hanno anche criticato Voyager per non aver adottato misure per ridurre il personale e le spese, osservando che alcune importanti società crypto hanno licenziato tra il 20% e il 30% della loro forza lavoro nel tentativo di sopravvivere all'attuale "inverno crypto".

I creditori hanno aggiunto: "Per essere chiari, le società di cui sopra stanno ancora operando nel normale svolgimento dell'attività, mentre la piattaforma dei debitori è stata sostanzialmente bloccata con operazioni minime o nulle nelle ultime sette settimane".

Creditori di Voyager dicono no ai premi di fidelizzazione

Il deposito è arrivato dopo che Voyager ha chiesto a un giudice federale di approvare 1,9 milioni di dollari dei suoi fondi per un "Key Employee Retention Plan" (KERP), o bonus a 38 dipendenti che la società ha affermato di eseguire "contabilità essenziale, gestione della liquidità e degli asset digitali, IT infrastrutture, funzioni legali e altre funzioni critiche per i debitori", secondo un deposito del 2 agosto.

Tuttavia, i creditori hanno affermato che Voyager non ha fornito alcuna prova per dimostrare che i 38 dipendenti sono necessari e che sono a rischio di dimissioni.

"Questo perché non esistono prove del genere: dalla data della petizione, solo 12 dei circa 350 dipendenti dei debitori si sono dimessi volontariamente", hanno affermato i creditori.

Come riportato, Voyager ha presentato istanza di protezione dal fallimento a luglio dopo aver subito enormi perdite a causa del fallimento dell'hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital (3AC) e del più ampio tracollo delle criptovalute. Da allora il prestatore ha ricevuto "più offerte per i suoi asset in eccesso rispetto a un'offerta precedente" dall'exchange di criptovalute FTX e dalla sua controllante Alameda Research.

All'inizio di questo mese, il prestatore crypto ha dichiarato che prevede di "ripristinare l'accesso" ai depositi in contanti in USD entro l'11 agosto. Ha affermato che i clienti con contanti nei loro conti sarebbero in grado di prelevare fino a 100.000 USD in un periodo di 24 ore.

Nel frattempo, Celsius (CEL), un altro prestatore di criptovalute fallito, ha pubblicato la scorsa settimana un rapporto che mostra come la società sia in deficit di circa 2,8 miliardi di dollari rispetto ai suoi obblighi nei confronti dei clienti. Il deposito ha anche mostrato che il processo di ristrutturazione, insieme ad altre spese, è costato all'azienda una media di 46 milioni di dollari al mese.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store