Coin News

Creditori impediscono la vendita di BTC estratti da Celsius

12 Aug, 20223 min readBitcoin
Creditori impediscono la vendita di BTC estratti da Celsius

I creditori di Celsius vogliono impedire al prestatore di criptovalute in bancarotta di vendere riserve di bitcoin (BTC) estratti e hanno etichettato i precedenti tentativi del CEO dell'azienda di rassicurarli come "vuoti e falsi".

Piano per BTC estratti "non descritto in modo approfondito"

La società ha dichiarato bancarotta a New York, dove il caso è ora all'esame. In una lettera alla corte, gli avvocati dei creditori hanno scritto che il piano per vendere i token estratti "non era stato descritto in modo approfondito".

Sebbene i creditori non affermassero di essere totalmente contrari all'idea di una vendita, affermavano di aver bisogno di maggiori informazioni sulla natura della vendita e su come sarebbero stati utilizzati i fondi della vendita.

Hanno chiesto a Celsius "confini e trasparenza" e hanno chiesto al tribunale di "condizionare la sua approvazione" alla proposta di vendita.

I documenti di Celsius alla corte hanno spiegato che la controllata di mining della società (che ha dichiarato fallimento il giorno dopo la sua controllante) possiede più di 80.500 impianti di mining, per un valore di circa 750 milioni di dollari.

La controllata, Celsius Mining, aveva chiesto l'approvazione per una quotazione pubblica sul mercato azionario a maggio e aveva annunciato l'intenzione di estrarre oltre 10.000 BTC entro la fine di quest'anno. Ad aprile, l'azienda ha riferito di possedere oltre 151.000 BTC (3,6 miliardi di dollari a prezzi correnti).

Il mese scorso, Pat Nash, il principale avvocato di Celsius, ha chiesto ai creditori di non intervenire e di avere una visione a lungo termine. Li ha esortati ad attendere la ripresa dei prezzi di mercato, poiché Celsius Mining stava già coniando 14,2 BTC al giorno e sperava di aumentare le sue operazioni.

Da allora, l'azienda ha cambiato tono e ha chiesto al tribunale di consentirgli di convertire i suoi BTC in fiat per aiutarla a pagare i suoi obblighi.

I livelli di sfiducia per Celsius e il suo CEO Alex Mashinsky sono stati ancora più palpabili in una dichiarazione separata alla corte dai creditori questa settimana. Hanno denunciato come "vuote e false promesse", (poiché cancellate) i commenti fatti da Mashinsky solo cinque giorni prima che la società prendesse la decisione di congelare gli asset dei suoi clienti.

Nella dichiarazione, i creditori si sono lamentati del fatto che mentre Celsius aveva "in precedenza sostenuto la sua trasparenza", "è rimasto in gran parte in silenzio" dopo la sua decisione di congelare gli asset.

Creditori sono "impegnati a indagare a fondo su Celsius"

I creditori hanno scritto di essere "impegnati a indagare a fondo su Celsius, inclusa la potenziale cattiva condotta di Celsius e dei suoi addetti ai lavori" e avrebbero perseguito una "risoluzione che massimizzerà il valore di Celsius a beneficio dei suoi titolari di conto e dei creditori non garantiti".

Nel frattempo, Reuters ha riferito che il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha anche chiesto una maggiore supervisione da parte del tribunale dei piani di Celsius di effettuare pagamenti di fine rapporto di 409.000 dollari a 19 dipendenti e di vendere BTC durante il suo fallimento.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store