Coin News

Coinbase vuole togliere le fees di transazione

24 Aug, 20223 min readOther
Coinbase vuole togliere le fees di transazione

L'exchange di criptovalute Coinbase vuole abbandonare la sua dipendenza dalle fees di transazione come principale fonte di reddito ed è preoccupato che le fees che i trader pagano quando scambiano i token non possano fornire una forma sostenibile di reddito.

In un'intervista con la CNBC, il CEO dell'azienda Brian Armstrong ha dichiarato:

“Ci stiamo rendendo conto che le fees di trading […] saranno ancora una parte importante della nostra attività tra 10 anni. Anche tra 20 anni. Ma mi piacerebbe arrivare a un punto in cui in cui più del 50% delle nostre entrate provenga da abbonamenti e servizi".

Con "abbonamenti e servizi", Armstrong si riferiva a servizi Coinbase a pagamento, pacchetti di abbonamento premium, staking, programmi a premi e simili.

Come hanno dimostrato i recenti risultati finanziari, exchange come Coinbase ottengono profitti da far venire l'acquolina in bocca quando i prezzi delle criptovalute aumentano, ma tende a diventare difficile quando i prezzi ristagnano e i volumi di trading scendono.

Coinbase investe in abbonamenti e servizi

In quanto tale, Coinbase non vuole più fare così tanto affidamento sui guadagni durante il mercato rialzista e resistere a inverni crypto prolungati. Il suo CEO ha affermato che l'azienda stava "investendo così tanto oggi in abbonamenti e entrate dei servizi" e ha aggiunto che "un certo numero" di nuovi prodotti relativi ai servizi erano attualmente "in lavorazione".

Il desiderio di Armstrong potrebbe lentamente realizzarsi: mentre il reddito derivato dalle fees di trading ha subito un duro colpo, l'ultimo rapporto finanziario trimestrale di Coinbase ha avuto un rivestimento d'argento a tema di abbonamenti e servizi. Questa parte del reddito dell'azienda è cresciuta di dimensioni e ora rappresenta circa il 18% delle entrate di Coinbase. Solo un anno prima, quella cifra era solo del 4%.

Autorità di regolamentazione esercitano pressioni su Coinbase

L'inverno crypto non è l'unica minaccia ai sogni di successo di Coinbase. Le autorità di regolamentazione continuano a esercitare pressioni sulla società e una battaglia legale con la Securities and Exchange Commission (SEC) è ancora una possibilità concreta. La SEC potrebbe sondare l'azienda sui sospetti che molti delle quotazioni di token Coinbase siano titoli azionari. Se questo si rivelasse il caso, Coinbase potrebbe trovarsi in gioco per consentire la vendita di tali token.

Armstrong ha dato una svolta positiva alla questione normativa, affermando:

“Ci siamo [...] confrontati con le autorità di regolamentazione e in realtà penso che sia una buona cosa. Il nostro obiettivo generale è davvero quello di aiutare a guidare la chiarezza normativa su scala globale".

A proposito dell'inverno crypto, ha ripetuto il suo mantra secondo cui gli affari "non sono mai stati così belli come sembrano" e "mai così male come sembra".

Armstrong ha concluso:

"Penso che uno dei motivi per cui Coinbase ha avuto così tanto successo negli ultimi 10 anni è [che] cerchiamo di non concentrarci su alti e bassi a breve termine."

Nel frattempo, Coinbase ha rivelato che il fornitore di pagamenti PayPal ha aderito alla sua piattaforma di conformità alle travel rule, la rete TRUST (Travel Rule Universal Solution Technology).

La Travel Rule nasce da un'idea della Financial Action Task Force (GAFI) ed è stata sancita dalla legge in più nazioni. Richiede legalmente agli exchange e ad altri intermediari crypto di trasmettere i dati del mittente su transazioni interpiattaforma di alto valore.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store