Coin News

Christine Lagarde: altro attacco alle criptovalute

5 d ago3 min readOther
Christine Lagarde: altro attacco alle criptovalute

Il Presidente della BCE torna nuovamente a parlare del rischio sistemico e della stabilità finanziaria che potrebbero avere le criptovalute.

Christine Lagarde è di nuovo all’attacco delle criptovalute

Christine Lagarde, la Presidente della BCE, dopo aver definito un mese fa le criptovalute buone solo per attività criminali e riciclaggio, è tornata a parlare in maniera piuttosto critica del mondo crypto e in particolar modo della finanza decentralizzata.

Live now: President @Lagarde speaks before the Committee on Economic and Monetary Affairs of the @Europarl_EN and answers questions from its members. Follow here @EP_Economics — European Central Bank (@ecb) June 20, 2022

Lunedì scorso a Bruxelles davanti alla Commissione per gli affari economici, Lagarde ha parlato brevemente anche del rischio sistemico che le criptovalute potrebbero avere sulla stabilità finanziaria internazionale:

“Riteniamo, mentre ci stiamo imbarcando in questo lavoro sulle risorse crypto e sul rischio che esse comportano, che gli asset digitali e la finanza decentralizzata (DeFi) abbiano il potenziale per porre rischi reali per la stabilità finanziaria”.

Ecco perché secondo lei occorre che la Commissione europea e il Parlamento si attivino per approvare in fretta una regolamentazione precisa sui mercati crypto. Facendo riferimento al regolamento sui mercati delle criptovalute (MiCA) che dovrebbe entrare in vigore entro il 2024, Lagarde ha affermato che forse occorrerebbe pensare ad un secondo potenziale quadro di regolamentazione, una sorta di MiCA 2.0, ancora prima che entri a regime il primo.

Presidente della BCE richiama l’urgenza di una chiara regolamentazione

Forse queste parole della Lagarde sono state dette a scopo preventivo dal momento che la stessa ha poi aggiunto:

“Per il momento, i collegamenti tra le criptovalute del settore privato e la finanza tradizionale rimangono ancora limitati, per il momento”.

Inoltre, per Christine Lagarde il 2024 sarebbe una data troppo lontana per una regolamentazione delle criptovalute, e il MiCA avrebbe in sé alcune lacune normative, come per esempio quella riferita alla DeFi, che sarebbe a suo avviso il vero nuovo pericolo per la stabilità finanziaria mondiale. Molto più delle stesse criptovalute tradizionali, che lei stessa a settembre dello scorso anno aveva detto di non considerare alla stregua di valute, ma solo come semplici asset speculativi.

Poi è scesa anche nei particolari sulla sua proposta di un nuovo aggiornato quadro normativo per il settore:

MiCA II dovrebbe regolamentare le attività di staking e prestito di criptovalute, che sono decisamente in aumento”.

Questo perché proprio questo tipo di operazioni sarebbero quelle a maggior rischio di frodi e di nascondere in realtà attività di riciclaggio:

“Le innovazioni in questi territori inesplorati mettono a rischio i consumatori, dove la mancanza di regolamentazione spesso copre frodi, affermazioni completamente illegittime sulla valutazione e molto spesso speculazioni e rapporti criminali”.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store