Coin News

Cardano SPO: ONE Pool [ONE1]

24 Jul, 20226 min readAltcoins
Cardano SPO: ONE Pool [ONE1]

L’ospite di questa settimana nella rubrica Cardano SPO è uno stake pool gestito da un team che è stato coinvolto nell’ecosistema Cardano dal 2017: One Pool [ONE1].

L’ospite della scorsa settimana era uno stake pool la cui missione è quella di decentralizzare la rete Cardano e sostenere le associazioni di beneficenza dedicate alla salute mentale.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni settimana o due inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community.

Considerando che molti dei nostri lettori sono nuovi nello spazio crypto, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Cardano SPO, intervista con One Pool [ONE1]

Ciao, grazie per il vostro tempo. Raccontateci qualcosa del vostro team, dove avete sede e quali sono i vostri background?

Prima di tutto voglio ringraziarvi per l’opportunità di presentarci ai membri della nostra community che ancora non ci conoscono!

Mi chiamo José Iadicicco (Argentina) e sono l’SPO di ADA One Pool [ONE1]. Ho lavorato per più di 20 anni nel settore IT, in progetti legati alle reti di telecomunicazione internazionali e ai sistemi di distribuzione dell’energia. Sono appassionato di Cardano, scacchi, matematica e programmazione.

Kehua Yang (Taiwan), Community Manager, è docente universitaria in due delle più prestigiose università di Taiwan. Ha conseguito due master, il primo in educazione e il secondo in cinese mandarino. È stata coinvolta in importanti progetti di installazione di parchi eolici e di infrastrutture di trasporto nazionali.

Memo (Australia), Web Design, Assistenza tecnica: Ingegnere software. Memo è un membro chiave del nostro team e possiede competenze avanzate di programmazione con i più recenti software e strumenti di sviluppo.

Qual è il percorso che vi ha portato a Cardano e a diventare Stake Pool Operators (SPO)?

Abbiamo iniziato il nostro viaggio all’interno di Cardano nel 2017, quando abbiamo visto per la prima volta il video Whiteboard di Charles, e dal 2018 abbiamo iniziato a organizzare conferenze aperte e gratuite per diffondere la sua visione e il suo messaggio, poiché grazie al nostro background abbiamo capito fin dal primo momento che questo era il modo giusto per affrontare una sfida così grande (le nostre conferenze sono state registrate sul nostro canale YouTube, dimostrando che siamo qui fin dal primo momento).

Quando si è presentata la possibilità di collaborare alla creazione di pool, come progettisti esperti di reti di telecomunicazioni, la prima cosa che abbiamo pensato è stata che non volevamo creare un pool in Cloud (nonostante fosse il modo più semplice), perché per ottenere una vera decentralizzazione sappiamo che la rete deve essere composta da nodi reali distribuiti in tutto il mondo.

Con questa consapevolezza, abbiamo accettato la sfida di creare il primo pool fisico di Cardano in LATAM, una regione in cui non ne esisteva alcuno. Abbiamo portato a termine con successo la sfida nel 2021, il che è il nostro grande orgoglio all’interno della comunità, e successivamente abbiamo collaborato ad altre importanti tappe come la co-organizzazione del Cardano Summit 2021, il contributo del progetto ADA Solar attraverso Catalyst, per la decentralizzazione dell’energia attraverso Cardano, l’organizzazione del primo Cardano Hackathon insieme alla National Technological University, unendo Cardano alla comunità accademica, come nella visione iniziale di Charles. È per noi una grande gioia aver potuto accompagnare Cardano fin dai suoi inizi.

Per i nostri lettori che non sono programmatori, potete spiegare cos’è Plutus? Quali vantaggi offre? E diteci qualcosa di più sull’hackathon che state organizzando.

Plutus è un linguaggio di programmazione, progettato dalla società IOHK, per lo sviluppo di Smart Contract in modo sicuro e affidabile. È stato creato come “sottolinguaggio” all’interno del linguaggio di programmazione Haskell (il suo linguaggio “madre”).

Uno dei suoi principali vantaggi è che, grazie al suo design robusto e al suo modo di programmare, è il tipo di linguaggio di programmazione utilizzato per programmare i cosiddetti sistemi “mission critical”, cioè sistemi il cui fallimento può produrre catastrofi, come quelle che di solito vediamo negli sviluppi realizzati nel paradigma precedente (Solidity, utilizzato da Ethereum), dove è molto facile commettere gravi errori di progettazione che possono essere sfruttati da attori malintenzionati, esponendo risorse e distruggendo progetti con un grande potenziale, come è successo ad esempio nel caso di “The DAO” inizialmente e di molti altri in seguito.

Sappiamo che uno degli obiettivi attuali è la diffusione del paradigma di programmazione degli Smart Contract sotto Plutus, per questo abbiamo deciso di realizzare questo Hackathon in collaborazione con l’Università Tecnologica Nazionale, dove si tengono i corsi di Haskell, per diffondere questo paradigma tra la comunità accademica più importante della nostra regione, facendogli raggiungere una maggiore visibilità e aumentando la consapevolezza dell’importanza di programmare in modo sicuro gli smart contract che in alcuni casi custodiscono i risparmi di una famiglia. Per noi questa è una missione cruciale.

Cardano è attualmente nella sua era Basho, che si concentra sulla scalabilità. Potete spiegare che tipo di miglioramenti vengono implementati? E su cosa si concentra la successiva Era Voltaire?

È importante capire che la sfida che stiamo affrontando è una delle più grandi che l’umanità abbia mai affrontato: la creazione di una piattaforma decentralizzata, globale e distribuita viene sviluppata in modo serio, con la capacità di elaborare le richieste dell’intero pianeta.

Comprendendo questo, possiamo iniziare ad analizzare i miglioramenti concreti che vengono apportati e che speriamo, nel complesso, possano espandere la capacità della blockchain Cardano di supportare l’uso globale di essa, in modo veloce, sicuro ed economicamente accessibile.

Alcuni dei miglioramenti concreti apportati includono:

  • miglioramenti al codice sorgente;
  • modifiche ai parametri del protocollo;
  • modifiche alle dimensioni dei blocchi;
  • aumento della dimensione della memoria allocata per l’esecuzione dei contratti;
  • miglioramenti alle funzionalità di Plutus
  • Sarà ora possibile eseguire operazioni che consentono di prendere e riutilizzare le risorse, migliorando così il costo e la velocità delle operazioni.

    Come ogni sistema tecnologico, è importante che abbia la possibilità di essere continuamente aggiornato e migliorato, per non diventare obsoleto. Questo è ciò che ogni azienda fa con i propri prodotti.

    In una piattaforma decentralizzata come Cardano, è importante avere un meccanismo che permetta all’intera comunità di prendere decisioni su questi miglioramenti. Questa è l’era di Voltaire, la fase del consenso politico per decidere la direzione da prendere e l’uso delle risorse disponibili. La versione sperimentale iniziale di questo meccanismo è il progetto Catalyst, per cui ci stiamo già lavorando!

    Fantastico. Qualche considerazione finale? Dove è possibile contattarvi?

    Vorrei solo ringraziarvi per tutto l’amore e il sostegno della comunità e dirvi che è un onore, un privilegio e un piacere condividere questo viaggio con voi!

    Continueremo a sostenere come sempre il progetto blockchain che consideriamo il migliore e più serio in tutto ciò che possiamo fino al raggiungimento degli obiettivi.

    Sentitevi liberi di contattarci attraverso una qualsiasi delle nostre reti: Twitter o Telegram @ADAONEPool.

    Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOG.

    Source

    Subscribe to get our top stories

    Coin News
    App StoreApp Store