Coin News

Capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute scende a 850 miliardi di dollari, mentre i dati suggeriscono un ulteriore ribasso

12 Nov, 20225 min readOther
Capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute scende a 850 miliardi di dollari, mentre i dati suggeriscono un ulteriore ribasso

Tra l'8 e il 10 novembre, la capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute è scesa del 24%, raggiungendo un minimo di 770 miliardi di dollari. Tuttavia, dopo che il panico iniziale si è placato e le liquidazioni forzate dei contratti future non hanno più esercitato pressioni sui prezzi degli asset, è seguita una netta ripresa del 16%.

Il calo di questa settimana non è stato il primo ritorno della capitalizzazione totale di mercato al di sotto degli 850 miliardi di dollari, con una configurazione simile già proposta a giugno e luglio. In entrambi i casi, il supporto ha mostrato forza, ma il bottom intraday di 770 miliardi di dollari del 9 novembre è stato il più basso siglato da dicembre 2020.

Il calo settimanale del 17,6% della capitalizzazione di mercato totale è stato influenzato soprattutto dalla perdita del 18,3% di Bitcoin (BTC) e dal movimento negativo del 22,6% di Ether (ETH). Tuttavia, l'impatto dei prezzi è stato decisamente più forte sulle altcoin, con 8 delle 80 principali monete che hanno perso il 30% o più nel periodo.

FTX Token (FTT) e Solana (SOL) sono stati gravemente colpiti dalle liquidazioni in seguito all'insolvenza dell'exchange FTX e di Alameda Research.

Aptos (APT) è scesa del 33%, nonostante la smentita delle voci secondo cui le tesorerie di Aptos Labs o Aptos Foundation fossero detenute da FTX.

La domanda di Stablecoin rimane neutrale in Asia

Il premium su USD Coin (USDC) è un buon indicatore della domanda dei trader retail di criptovalute con sede in Cina. Misura la differenza tra gli scambi peer-to-peer basati in Cina e il dollaro statunitense.

Un'eccessiva domanda di acquisto tende a spingere l'indicatore al di sopra del valore equo al 100% e, durante i mercati ribassisti, l'offerta di mercato della stablecoin viene sommersa, causando un discount del 4% o superiore.

Attualmente, il premium USDC è pari al 100,8%, piatto rispetto alla settimana precedente. Pertanto, nonostante il calo del 24% della capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute, non si è verificato alcun panic selling da parte degli investitori retail asiatici.

Tuttavia, questo dato non deve essere considerato rialzista, in quanto la pressione di acquisto di USDC indica che i trader siano alla ricerca di rifugio nelle stablecoin.

Pochi acquirenti con leva finanziaria utilizzano i mercati dei futures

I perpetual contract, noti anche come inverse swap, hanno un tasso incorporato che di solito viene addebitato ogni otto ore. Gli exchange utilizzano questa commissione per evitare squilibri del rischio di cambio.

Un funding rate positivo indica che i long (acquirenti) richiedono una maggiore leva finanziaria. Tuttavia, la situazione opposta si verifica quando gli short (venditori) richiedono una leva finanziaria aggiuntiva, causando un funding rate negativo.

Come illustrato sopra, il funding rate a 7 giorni è leggermente negativo per le due principali criptovalute e i dati indicano una domanda eccessiva di short (venditori). Anche se c'è un costo settimanale dello 0,40% per mantenere le posizioni aperte, non è preoccupante.

I trader dovrebbero anche analizzare i mercati delle opzioni per capire se le whale e i desk di arbitraggio hanno puntato maggiormente su strategie rialziste o ribassiste.

Il rapporto opzioni put/call indica un peggioramento del sentiment

I trader possono valutare il sentiment generale del mercato misurando se l'attività è maggiore attraverso le opzioni call (acquisto) o put (vendita). In generale, le opzioni call sono utilizzate per le strategie rialziste, mentre le opzioni put per quelle ribassiste.

Un rapporto put/call di 0,70 indica che l'open interest per le opzioni put è inferiore del 30% rispetto alle call, più rialziste, ed è quindi rialzista. Al contrario, un indicatore di 1,20 favorisce le opzioni put del 20% e può essere considerato ribassista.

L'8 novembre, quando il prezzo di Bitcoin è sceso sotto i 18.500$, gli investitori si sono affrettati a cercare una protezione al ribasso. Di conseguenza, il rapporto put-to-call è salito a 0,65. Tuttavia, il mercato delle opzioni su Bitcoin rimane maggiormente popolato da strategie neutrali o ribassiste, come indica l'attuale livello di 0,63.

Combinando l'assenza di domanda di stablecoin in Asia e i premium negativi dei perpetual contract, risulta evidente che i trader non siano sicuri che il supporto degli 850 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato possa reggere nel breve termine.

Le opinioni qui espressi sono esclusivamente dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di Cointelegraph.com. Ogni investimento comporta dei rischi: dovresti condurre le tue ricerche prima di prendere una decisione.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store