Coin News

BOOM per Bitcoin e Ethereum! | È ripartita la Bull Run? [Analisi]

26 Oct, 20225 min readBitcoin
BOOM per Bitcoin e Ethereum! | È ripartita la Bull Run? [Analisi]

Bitcoin sopra i 20.000$, Ethereum in quota 1.500$ e più in generale tutto il settore altcoin con gain da urlo rispetto ai prezzi di sole 24 ore fa. Bear market finito come raccontano in tanti su Twitter o su altri social? Un attimo, perché prima di pensare di aver definitivamente invertito la rotta ci saranno altre considerazioni da fare. Le condizioni macro non sono cambiate di una virgola, con dati nella giornata di ieri più o meno in linea con le aspettative.

Così come non sparite le principali fonti di preoccupazione per il grosso degli investitori, anche istituzionali. E sarà dunque il caso di capire perché il mercato si è mosso in modo così deciso e quali siano le prospettive di breve periodo, anche alla luce dei dati attesi per questa e per la prossima settimana.

E chi vuole affrontare il mercato in questa specifica situazione dovrà cercare di farlo con i migliori strumenti che il mercato mette a disposizione. Li possiamo trovare sulla popolare piattaforma eTorovai qui per ottenere il conto gratuito di prova con 100.000$ di CAPITALE VIRTUALE + PREMIUM ACCOUNT – un intermediario che offre a listino 78+ cripto e che permette di investire con strumenti fintech avanzati.

Abbiamo inoltre l’opportunità tramite eToro di investire con il trading automatico offerto dal CopyTrader, sistema che permette di copiare i trader che hanno ottenuto già buoni risultati o di spulciare nei loro portafogli. Abbiamo anche gli Smart Portfolios per investire invece in panieri cripto di grande qualità e divisi per tematica. Con 50$ possiamo passare al conto reale.

Bitcoin vola, gli altcoin di più

Rialzi molto importanti, che in alcuni casi superano il 10% e che hanno contribuito a restituire un po’ di entusiasmo ad un settore che sta vivendo tensioni prolungate ed importanti. Non è però forse il caso di parlare di bull run e di inversione del trend duratura, almeno fino a quando non ci saranno ben altri dati a sostenere questa teoria, a nostro avviso nata di più dallo spasmodico desiderio di vedere la luce in fondo al tunnel che da quanto in realtà si stia concretizzando sui mercati.

  • Sull’onda dei mercati USA
  • Che ieri hanno performato in modo interessante (anche se ovviamente su livelli di rialzi molto inferiori a quelli del mondo cripto). Segno di un rimbalzo che coinvolto più o meno tutti gli asset risk on, ovvero quelli che i mercati scelgono quando torna un po’ di appetito per il rischio.

  • Ondata incredibile di liquidazioni
  • Gli orsi hanno pagato a carissimo prezzo eccessive pressioni che stavano esercitando sulle principali criptovalute. Secondo i dati che vengono raccolti da CoinGlass abbiamo infatti avuto liquidazioni per quasi 370 milioni su Bitcoin e, cosa molto interessante, soltanto pochissimo meno su Ethereum, con le liquidazioni che si sono attestate intorno ai 356 milioni nelle scorse 12 ore.

    Per il resto poco o nulla, cosa che ci lascia intendere che sia stato Ethereum a fare da innesco per una pronta risalita del mondo degli altcoin, che hanno seguito il capofila nella sua corsa a ridosso dei 1.500$.

    Troppo presto per cantare vittoria?

    Senza voler smorzare quello che può essere un momenti di relax dopo settimane da incubo o comunque di movimenti laterali, dobbiamo però tenere conto del fatto che tutti gli elementi che stanno determinando una fase piuttosto tesa di mercato non sono stati ancora superati. E che per il momento non ci sono elementi per valutare se, come e quando questo avverrà.

  • Inflazione
  • Ancora completamente fuori controllo, almeno dagli ultimi dati che sono stati pubblicati. Problema che per molti inizia a farsi irrisolvibile e che per altri invece dovrebbe lasciare il passo alle “necessità”, almeno nominali, del mercato.

  • Tassi
  • Sono la conseguenza del problema di cui sopra. Cosa farà Federal Reserve? Terrà fede alla sua promessa di voler riportare nel più breve tempo possibile l’inflazione USA entro il 2%? Potrà farlo davvero a colpi i rialzi di tassi mai visti prima?

  • Giappone
  • La YCC è andata così male che a breve non ci sarà più un mercato dei bond giapponesi decennali, perché saranno tecnicamente tutti nelle mani di BoJ. La situazione continua ad essere preoccupante nonostante interventi della banca centrale che, per loro stessa ammissione, sono stati coordinati con gli USA. Probabilmente per accedere a liquidità in USD per finanziare le ultime operazioni di acquisto di Yen a mercato.

  • Cina e immobiliare
  • All’inizio di questa crisi il grande spettro che si aggirava per le trading hall era il potenziale fallimento di Evergreen. La situazione è però piuttosto preoccupante per il mercato immobiliare cinese in generale. Qualche nodo sta venendo al pettine, per quanto possa essere resiliente un’economia dove lo stato fa il bello e il cattivo tempo e ordina investimenti a terzi anche per tamponare eventuali crisi. I mercati inoltre non avevano reagito al meglio a quanto venuto fuori dal Congresso del Partito Comunista che ha incoronato – forse per sempre – Xi Jingping. Situazioni da continuare a monitorare.

  • Ottima performance del mondo cripto a prescindere da tutto
  • Qualche motivo di ottimismo c’è sicuramente. Il mondo cripto e Bitcoin ha tenuto su livelli di prezzo buoni anche mentre i mercati azionari scendevano a picco. E quando questi hanno rimbalzato, ha avuto delle performance mediamente migliori. Segno di una nuova maturità? Forse è ancora troppo presto per dirlo. Ma con Bitcoin sopra i 20.000$ e Ethereum che proverà a giocarsi i 1.500$ nel corso della giornata, di motivi per rallegrarsi ce ne sono.

  • Occhio alla FOMO
  • Source

    Subscribe to get our top stories

    Coin News
    App StoreApp Store