Coin News

Bitcoin e Miner pronti ad affrontare un nuovo esame dall'UE

15 Mar, 20223 min readMining
Bitcoin e Miner pronti ad affrontare un nuovo esame dall'UE

L'Unione europea ha ancora gli occhi puntati sui miner di bitcoin (BTC) ed ethereum (ETH), nonostante la bocciatura di una regola proposta che avrebbe effettivamente vietato il mining proof-of-work (PoW) in tutta l'Unione.

Bitcoin e Crypto Miner sono sotto esame

A seguito del voto di ieri della Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo, che ha respinto la proposta di vietare il mining di BTC e ETH come parte del progetto MiCA, la commissione ha annunciato una nuova "posizione di negoziazione" sulla regolamentazione delle criptovalute".

In un comunicato stampa, la commissione ha detto che la posizione "mira a rafforzare la fiducia degli utenti e sostenere lo sviluppo di servizi digitali e strumenti di pagamento alternativi".

Per i miner, questo sarà un campanello d'allarme tuttavia - e un chiaro messaggio che il fallimento del voto PoW è stato probabilmente l'inizio e non la fine della ricerca dei membri del Parlamento europeo di regolare il mining.

La commissione ha scritto:

"Per ridurre l'elevata impronta di carbonio delle criptovalute, in particolare dei meccanismi utilizzati per convalidare le transazioni, i deputati chiedono alla Commissione di presentare una proposta legislativa per includere nella tassonomia dell'UE (un sistema di classificazione) per le attività sostenibili, qualsiasi attività di mining di criptovalute che contribuisce in modo sostanziale al cambiamento climatico, entro il 1° gennaio 2025."

Anche se 23 membri della commissione si sono astenuti dal voto sulla nuova posizione, solo quattro hanno votato contro, mentre 31 hanno votato a favore.

La tassonomia UE è il nome che i legislatori hanno dato alla loro visione di una rete di finanza sostenibile del futuro - un sistema di classificazione che comprende una lista di attività economiche ecologicamente sane.

La Direzione Generale della Commissione Europea per la Stabilità Finanziaria, i Servizi Finanziari e l'Unione dei Mercati dei Capitali hanno precedentemente detto a Cryptonews.com che il gruppo "lavorerà per definire uno standard di criptovalute ecologiche" come parte della sua strategia di tassonomia.

I miner non saranno le uniche persone nella comunità delle criptovalute interessate dal nuovo quadro, tuttavia - anche le imprese e i commercianti potrebbero affrontare nuovi regolamenti se le proposte verranno accettate dalla Commissione europea e dai governi degli stati membri.

Gli eurodeputati hanno anche detto di voler sorvegliare "coloro che emettono e fanno trading di criptovalute (compresi i token riferiti agli asset e i token di moneta digitale)", e affrontare questioni di "trasparenza, divulgazione, autorizzazione e supervisione delle transazioni".

"I consumatori", hanno aggiunto, "sarebbero meglio informati su rischi, costi e oneri" sotto le nuove proposte.

Altri settori, come il gaming, sono sotto il mirino

Tuttavia, quasi in risposta alle suppliche dei miner di non diffamare un'industria che alcuni sostengono non sia più inquinante di molte altre, la commissione ha aggiunto che anche altri settori IT erano nel loro mirino.

La commissione ha aggiunto:

"I deputati sottolineano che anche altre industrie (ad esempio l'industria dei videogiochi e dell'intrattenimento, i centri dati) consumano risorse energetiche che non sono rispettose del clima".

Gli eurodeputati hanno detto che hanno chiesto alla Commissione europea "di lavorare su una legislazione che affronti questi problemi in diversi settori".

Inoltre, i deputati vogliono che l'Autorità Europea dei Titoli e dei Mercati supervisioni l'emissione di token riferiti ad asset, mentre l'Autorità Bancaria Europea sarà incaricata di supervisionare i token di denaro digitale.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store