Coin News

Bitcoin e cripto massacrati dall’inflazione | Ma perché la correlazione è così…

20 Aug, 20224 min readBitcoin
Bitcoin e cripto massacrati dall’inflazione | Ma perché la correlazione è così…

Il crollo del settore Bitcoin e cripto al quale abbiamo assistito nelle ultime 24 ore ha riportato in auge discorsi, analisi e battibecchi che riguardano l’inflazione, no dei dati macro più discussi degli ultimi mesi. In molti faticano a cogliere la correlazione, ritenendo che il mondo $BTC e cripto gli sia stato presentato come un’alternativa alla finanza classica.

Il che è vero, ma non protegge in alcun modo Bitcoin e il resto del mercato da quelle oscillazioni di mercato dovute alle cosiddette condizioni macro. Una situazione riguardo la quale è forse più che necessario fare un po’ di chiarezza, anche per muoversi con maggiore intelligenza all’interno dei mercati nei prossimi mesi. Mesi che saranno ancora caratterizzati da un’attenzione spasmodica dei mercati per quanto riguarda l’inflazione (e tutto quello che ne consegue).

Abbiamo a disposizione tramite questo intermediario anche strumenti avanzati per il trading come il CopyTrader, per un trading automatico che parte dalla copia dei più bravi oppure dallo spiare le loro posizioni. E abbiamo anche gli Smart Portfolios per fare trading su panieri cripto diversificati in stile ETF. Con 50$ di investimento minimo possiamo passare al conto reale.

Inflazione: perché è così importante per Bitcoin e cripto

  • Le banche centrali hanno come obiettivo quello di massimizzare l’occupazione e mantenere l’inflazione intorno al 2%
  • Questo è il primo fatto da mandare a memoria prima e cercare di capire poi. Parliamo principalmente di Fed, che ha un doppio mandato di ricerca della massima occupazione durante il ciclo economico e di inflazione intorno al 2%. Doppio mandato spesso in conflitto, in particolare quando si ha un’inflazione molto alta come negli ultimi tempi, perché le misure (che vedremo) per contenere l’inflazione hanno spesso effetti negativi sul tasso di occupazione, dato che riducono il livello di attività economica. Almeno sulla carta ECB o BCE che dir si voglia, sarebbe maggiormente orientata verso il mantenimento della stabilità dei prezzi – e ancora una volta verso il numero magico del 2% di inflazione come ideale.

  • Le banche centrali hanno (quasi) enormi poteri sul livello dei prezzi
  • Questo perché hanno in mano le politiche monetarie di un’intera economia, che possono modificare andando a toccare il tasso di interesse di base, che è poi quello che stanno facendo ormai da qualche mese a questa parte, in particolare negli USA. Tassi più alti vogliono dire minore attività economica e riduzione dei prezzi, o meglio, riduzione dell’inflazione. Tenendo insieme queste due facce della luna possiamo facilmente comprendere perché i mercati, non solo quelli cripto ma tutti quelli di rischio, stanno effettivamente reagendo male alle strette in questo senso. Tassi più alti vogliono dire minore appetito per il rischio dei mercati. E quando questo appetito si riduce, si chiudono posizioni e i prezzi scendono.

  • L’inflazione non è un fatto nuovo, perché i mercati reagiscono così violentemente?
  • Semplicemente perché i mercati si muovono sulle aspettative e non soltanto sui dati reali. O meglio, si muovono prima adeguando le aspettative come se fossero dato compiuto, e quando poi arriva il dato compiuto rimodificano, a seconda della distanza dalle aspettative, il loro atteggiamento. Anche se ad agosto storicamente non ci sono mosse ufficiali annunciate dalla Federal Reserve, il dispaccio su quanto si era stabilito in luglio ha contribuito a peggiorare le aspettative dei mercati sul breve periodo. Cosa che ha impattato, come è evidente dai grafici, anche su Bitcoin e criptovalute.

    Cosa aspettarsi in termini di fondamentali e perché i movimenti di breve lasciano il tempo che trovano

    Uno dei più grandi errori che si possono fare è quello di mescolare le considerazioni di breve periodo con quelle di lungo. Sul breve continueremo ad avere, con ogni probabilità, sia movimenti rialzisti che ribassisti di una certa veemenza, che potrebbero ignorare anche supporti e resistenze che ci appaiono come evidenti.

    Sul medio e lungo periodo continuiamo a ritenere che i mercati abbiano scontato in larga parte quanto andrà a verificarsi e che da qui in avanti le cose non potranno andare che a migliorare, a patto che non si verifichino altri imprevedibili shock esogeni, ovvero che arrivano tecnicamente dal di fuori dei mercati.

    Abbiamo con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA SENZA LIMITI – intermediario che ci permette di investire al top su 476+ cripto, comprese quelle a maggiore capitalizzazione. Per il resto, continueremo ad aggiornare i nostri lettori su tutte le evoluzioni prossime di un mercato ancora alla ricerca della sua nuova normalità.

    Source

    Subscribe to get our top stories

    Coin News
    App StoreApp Store