Coin News

Argentina: Mendoza ora accetta Bitcoin per pagare le tasse

30 Aug, 20222 min readBitcoin
Argentina: Mendoza ora accetta Bitcoin per pagare le tasse

La provincia sudamericana Mendoza, nell’ovest dell’Argentina, ha deciso di accettare Bitcoin ed altre criptovalute per i pagamenti delle tasse.

Si tratta in particolare della Mendoza Tax Administration (ATM), che ha aggiunto sul proprio sito web ufficiale la possibilità di pagare le tasse in crypto dallo scorso 27 agosto.

Il governo, però, non custodirà alcun tipo di criptovaluta, ma saranno subito convertite in pesos da un’azienda di pagamenti online che ancora non è stata rivelata.

Argentina crypto-friendly? Si espande l’utilizzo del Bitcoin

Già nel 2021 in Argentina era stato presentato un progetto di legge che avrebbe introdotto i pagamenti degli stipendi in Bitcoin e criptovalute. Successivamente il Presidente del Paese lasciò intendere di essere aperto all’idea di adottare Bitcoin e di introdurre una Central Bank Digital Currency emessa dalla banca centrale.

Anche nell’aprile del 2022 l’Argentina stava valutando il ricorso al Bitcoin proprio per frenare un tasso di inflazione che pare inarrestabile, un po’ come era accaduto in Venezuela.

Successivamente, però, la Banca Centrale della Repubblica Argentina aveva deciso di bloccare il crypto-trading lanciato quattro giorni prima dalle altre banche argentine.

Dove pagare le tasse in crypto nel mondo

Ovviamente questo non è possibile solo a Mendoza, ma anche in altre parti del mondo come ad esempio in alcune regioni della Svizzera, a El Salvador, ecc…

Innanzitutto a El Salvador, visto che Bitcoin è divenuta una valuta a valore corrente e ufficiale per il Paese, è possibile anche pagarci le tasse.

Anche a Buenos Aires, proprio nella capitale dell’Argentina, sarà presto possibile pagare le tasse in crypto, così come annunciato nell’aprile scorso.

Secondo news del dicembre 2021, anche in Florida le imprese dal 2022 o 2023 potranno iniziare a pagare le tasse in criptovalute.

È già, invece, possibile farlo dal 2021 in Svizzera e in particolare a Zugo grazie al supporto della banca Bitcoin Suisse. Lo è anche a Chiasso dal febbraio del 2018 e anche a Lugano grazie all’iniziativa Plan B. Sebbene questo sia possibile da lungo tempo, pare che non molte persone siano propense a spendere crypto per pagare le proprie tasse e, almeno nel 2018, solo una persona decise di pagarle a Chiasso usando le criptovalute.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store