Coin News

Arcane: il mining di Bitcoin costerà meno dello 0,5% dell'energia globale se si raggiungeranno i 2 milioni di dollari per moneta

23 Aug, 20223 min readMining
Arcane: il mining di Bitcoin costerà meno dello 0,5% dell'energia globale se si raggiungeranno i 2 milioni di dollari per moneta

Secondo le nuove stime di Arcane Research, Bitcoin (BTC), la criptovaluta più quotata al mondo, ha il potenziale per essere un importante consumatore di energia in futuro, ma solo se raggiungerà diversi milioni di dollari. Arcane Research, società di ricerca e analisi sulle criptovalute, ha pubblicato lunedì un rapporto che stima il consumo di energia del Bitcoin per il 2040.Il rapporto, redatto dall'analista di Arcane Research Jaran Mellerud, sottolinea che il consumo di energia del Bitcoin varia in modo massiccio a seconda del suo prezzo e di fattori come le commissioni di transazione, i prezzi dell'elettricità e altri.Se il prezzo del BTC raggiungerà i 2 milioni di dollari tra 17 anni, Bitcoin potrebbe consumare 894 Terawattora (TWh) all'anno, con un'impennata di 10 volte rispetto al livello attuale, suggerisce il rapporto. Nonostante l'enorme crescita, tale consumo energetico rappresenterebbe solo lo 0,36% del consumo energetico globale stimato nel 2040, rispetto all'attuale 0,05%, secondo le stime dell'analista."Attualmente, sulla base di un consumo energetico di 88 TWh e un prezzo medio dell'energia di 50$ per MWh, i miner di Bitcoin spendono circa il 50% del loro guadagno in energia", ha osservato Mellerud. Il consumo energetico futuro della moneta sarebbe molto più basso in scenari meno ottimistici. Il prezzo dovrebbe raggiungere i 500.000$ entro il 2040 perché Bitcoin consumi 223 TWh all'anno. Se BTC dovesse essere scambiato a 100.000$ tra 17 anni, il mining consumerebbe solo 45 TWh all'anno, si legge nel rapporto.

L'analista ha poi menzionato l'impatto significativo dell'halving del Bitcoin, un evento quadriennale che implica una riduzione del 50% della ricompensa per i blocchi minati. Secondo il rapporto, il prezzo del BTC deve aumentare a un ritmo impressionante a causa dell'halving, mentre il suo "effetto mitigante" può essere compensato dall'aumento delle commissioni di transazione in futuro. "Tale aumento avverrà solo se ci sarà una domanda significativa di utilizzo del Bitcoin come sistema di pagamento", ha scritto Mellerud, aggiungendo:

"Il prezzo del Bitcoin dipende dalla sua domanda di mercato come riserva di valore, mentre le commissioni di transazione sono determinate dall'uso che se ne fa come mezzo di scambio".

Poiché la riserva di valore e il mezzo di scambio costituiscono due delle funzioni più importanti del denaro, il rapporto suggerisce anche che il consumo energetico del Bitcoin raggiungerà un livello significativo solo se quest'ultimo avrà successo come moneta.

Poiché molti scettici del BTC ritengono che un simile scenario sia difficilmente realizzabile, non dovrebbero preoccuparsi del suo consumo energetico, ha lasciato intendere Mellerud:

"Ho una buona notizia per quelli di voi che vogliono vedere il consumo energetico del Bitcoin diminuire: Potete rilassarvi in poltrona, perché i vostri desideri saranno esauditi se il BTC fallirà come sistema monetario. E voi credete che fallirà, vero?".

L'industria del mining di Bitcoin ha subito un forte calo nel 2022 a causa del crypto winter, con molti grandi operatori che hanno deciso di vendere le loro riserve per continuare a dare supporto alla rete. Anche le società di mining negli Stati Uniti hanno dovuto affrontare le pressioni delle autorità di regolamentazione, con i legislatori statunitensi che hanno richiesto i dati sul consumo energetico di quattro grandi società di mining BTC.

Nonostante il clima sempre più ribassista, molti miner di Bitcoin sono ancora ottimisti sulle prospettive di prezzo a breve e lungo termine. Secondo il vicepresidente senior di Canaan, Edward Lu, l'industria del mining è un "business sano e redditizio" nel lungo periodo.

Source

Subscribe to get our top stories

Coin News
App StoreApp Store